ULTIM'ORA

Il romanzo criminale di Riina

Il romanzo criminale di Riina
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

La carriera criminale di Totò “U Curtu” (il basso), al secolo il superpadrino Totò Riina, nato a Corleone in Sicilia il 16 novembre 1930 in una famiglia di contadini, è stata di prima grandezza. A 18 anni entra in carcere per aver ucciso un coetaneo in una rissa.

Ma l’arresto definitivo è solo quello del 15 gennaio 1993 dopo 24 anni di latitanza in cui ha scalato tutte le vette criminali del potere mafioso, ha avuto 4 figli e si è imposto come padrone di Corleone, eliminando boss del calibro di Michele Navarra, Bernardo Provenzano, Michele Cavataio.

L’ascesa in Cosa nostra, ottenuta col sangue e violenza è inarrestabile: sono almeno 100 gli omicidi in cui è coinvolto e non solo come mandante, un fardello che lo fa condannare a 26 gli ergastoli.

La versione ufficiale per il suo arresto lo vuole “consegnato” dall’ex fedelissimo, Baldassare Di Maggio, il pentito che avrebbe raccontato del bacio tra Riina e Andreotti. Un episodio che per quanto possa essere fantasioso indica bene la storia di una classe politica e dirigente italiana incapace anche per convenienza di eliminare la mafia. Con la morte di Riina restano senza risposte molte domande: sui rapporti mafia e politica, sulla stagione delle stragi, sui cosiddetti delitti eccellenti, sulle trame che avrebbero visto Cosa nostra a braccetto con poteri occulti in una comune strategia della tensione. Riina non ha mai mostrato alcun segno di redenzione. Fino alla fine quando, al processo trattativa, citato dalla Procura è rimasto in silenzio.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.