Filippine, Duterte: "Gli agenti possono uccidere"

Filippine, Duterte: "Gli agenti possono uccidere"
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
PUBBLICITÀ

La polizia ha licenza di uccidere chi si oppone all’arresto: questo l’ordine impartito dal presidente filippino alle forze di polizia, dopo l’ondata di proteste nel Paese seguita all’uccisione di un minorenne da tre agenti in un’operazione anti droga. “Nell’esercizio delle proprie funzioni i poliziotti hanno la facoltà di uccidere tutti gli idioti che fanno resistenza all’arresto in modo violento mettendo a rischio con il loro comortamento la vita degli agenti”, ha detto Duterte a Manila ricordando alle forze dell’ordine di rispettare le leggi dello stato di diritto che vietano qualsiasi altra forma di uccisione extragiudiziale”. Ong e società civile accusano Duterte di “incitare alla violenza e di distruggere lo Stato di diritto”, una “situazione non accettabile”. Lo scorso 16 agosto l’uccisione di un minorenne da tre agenti ha suscitato indignazione e proteste nel paese e a livello internazionale. I tre poliziotti hanno raccontato di aver sparao per per auto-difesa ma sono stati smentiti dalle telecamere di videosorveglianza. Amnesty International parla di diffuse violazioni dei diritti e crimini contro l’umanità.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Filippine: terremoto di magnitudo 7.6 colpisce il sud del Paese, rientrata l'allerta tsunami

Filippine, la premio Nobel Maria Ressa assolta dall'accusa di evasione fiscale

Manila critica Pechino per l'incidente nel Mar Cinese Meridionale: convocato l'ambasciatore