EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Attacco a Barcellona: Ripoll prova a ricominciare dopo lo sgomento per gli attentati

Attacco a Barcellona: Ripoll prova a ricominciare dopo lo sgomento per gli attentati
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
PUBBLICITÀ

La piccola città di Ripoll conta appena 10 mila abitanti. I giovanissimi attentatori che hanno colpito a Barcellona e Cambrils, tutti morti o in prigione, sono nati e cresciuti proprio qui e la gente del posto è ancora profondamente sconvolta dall’accaduto: com‘è possibile che siano finiti negli ambienti del jihadismo se, almeno apparentemente, erano del tutto integrati nella vita del posto?

MIQUEL ROVIRA, vicesindaco di Ripoll: “Di questi ragazzi, qualcuno è nato qui, qualcun altro è cresciuto qui. Qui hanno frequentato le scuole, alcuni erano molto conosciuti perche avevano partecipato a iniziative del comune. Non avevamo notato assolutamente nulla”

La famiglia di Youones Abouyaaqoub abita nei nuovi quartieri della città, dieci minuti a piedi dal centro. Younes, 22 anni, guidava il furgone che si è lanciato sulla Rambla. E’ morto abbattuto dalla polizia lunedi scorso. Anche suo fratello Hussein è morto, a Cambrils.

“Houssein Abouyakoub e Omar Hychami sono piu’ o meno della mia età – dice questo ragazzo – Omar è stato mio compagno di classe, con Houssain ho amici in comune. Questo sono cose che normalmente consideri molto lontane da te. Sapere quello che e successo alla gente che vedi tutti i giorni o che viene a scuola con te è scioccante”.

A Ripoll il 10% della popolazione è di origine magrebina. La comunità della città sta sul chi vive: da qualche giorno sono apparsi in giro degli adesivi anti musulmani che il comune ha fatto ritirare, mentre è stato istituito un servizio di assistenza psicologica di aiuto alla popolazione.

VICENÇ BATALLA, Euronews: “La gente di Ripoll prova a ricominciare a vivere e superare il trauma. Anche per questo, sabato è stata convocata una manifestazione in contemporanea con quella di Barcellona il cui slogan è “Ripoll per la pace, un passo avanti”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Una giornata europea per ricordare le vittime del terrorismo

La vittoria dei socialisti alle elezioni in Catalogna pone fine al predominio degli indipendentisti

Spagna: la strategia di Sánchez per rispondere alle accuse dell'opposizione