ISIS conferma paternità di tutti gli attentati in Catalogna

ISIS conferma paternità di tutti gli attentati in Catalogna
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'intera Spagna si mobilita nella lotta al terrorismo

PUBBLICITÀ

L’ISIS ha rivendicato la paternità anche del secondo attaco in Catalogna, quello di Cambrils, questo mentre le operazioni di controllo della polizia si intensificano in tutta la regione.
Scavalcata l’ipotesi che Moussa Oukabir fosse il principale responsabile dell’attentato adesso gli investigatori catalani sono convinti che Younes Abouyaaqoub sia stato il vero conducente del furgone killer. Il diciasettenne Oukabir è stato uno dei terroristi uccisi dalla polizia a Cambrils all’alba di venerdì.

Per Albert Oliva, portavoce della polizia catalana “Se la domanda è se ci sono informazioni su un nuovo possibile attentato, la risposta è no. Ma quando questa indigine cesserà con tutto quello che abbiamo fatto in questo periodo la polizia catalana continuerà a pianificare, a lavorare e investigare, perchè sfortunatamente, questo genere di terrorismo non si risolve con quello che è accaduto a Barcellona”

Il governo spagnolo all’indomani degli attentati ha deciso di mantenere l’apparato di sicurezza al livello 4, il penultimo più alto di allerta contro il terrorismo rafforzandone comunque il dispositivo. Come annunciato dal ministro degli interni spagnolo Juan Ignacio Zoido.

Accolti dai dirigenti delle divisioni sanitarie Re Filippo VI di Spagna insieme alla Regina Letizia si sono recati all’Hopital del Mar a Barcellona in visita delle vittime degli attentati ancora sotto controllo medico.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Protesta agricoltori, i trattori convergono su Sanremo e su Roma

Terrorismo, estradato in Francia Salah Abdeslam, uno degli stragisti di Parigi di novembre 2015

Pakistan, esplosioni davanti a due uffici elettorali a un giorno dalle elezioni: almeno 24 morti