EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Usa: dal Senato primo voto contro l'Obamacare

Usa: dal Senato primo voto contro l'Obamacare
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'Aula dice che si, la riforma sanitaria è da modificare. Come, si vedrà. Ma la linea Trump per una controriforma totale, divide i repubblicani ed il Paese

PUBBLICITÀ

51 a 50. È passato grazie a un solo voto al Senato americano, il si per aprire il dibattito per smontare l’Obamacare. Il partito repubblicano è dovuto ricorrere al voto aggiuntivo del vicepresidente (e presidente del Senato) Mike Pence. Decisiva anche la presenza in aula del senatore repubblicano John McCain, tornato a Washington per l’occasione, dopo un intervento chirurgico e la diagnosi di un grave tumore al cervello. Per lui standing ovation in aula e il tributo del presidente Donald Trump: “Voglio ringraziare alcuni dei senatori repubblicani che sono stati veramente fantastici, in particolare John McCain per aver fatto il viaggio, penso che avrai una grande assistenza sanitaria. Questo è l’inizio della fine del disastro conosciuto come Obamacare”.
Ma la legge, passata al Congresso e impantanata al Senato, non avrà un iter facile. Anche se alla fine ieri, ma era solo l’avvio della discussione, sono stati solo due i repubblicani che hanno votato no, lo stesso McCain ha detto che la controriforma di Trump è troppo radicale: va ammorbidita o il testo finale non avrà il suo voto. Mentre i senatori votavano, centinaia di persone a Capitol Hill hanno manifestato chiedendo il mantenimento della copertura sanitaria per tutti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, dimesso con successo il primo paziente a cui è stato trapiantato un rene di maiale

Usa, perché la nuova pillola contraccettiva è così importante per alcuni Stati americani

Berlusconi e l'Europa: un anno dalla scomparsa di un leader che ha spiazzato l'Ue