Siria: l'inferno di Raqqa

Siria: l'inferno di Raqqa
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Molti ancora i civili bloccati nella città mentre è in corso l'avanzata della coalizione per liberare la città dall'Isis

PUBBLICITÀ

Continua l’avanzata delle forze della coalizione per la conquista di Raqqa in Siria. Il 6 giugno scorso le forze democratiche siriane FDS, sostenute dagli Stati Uniti sono entrate nella parte orientale della roccaforte dello Stato islamico. Difficile la fuga per i circa 300 mila civili tenuti in ostaggio dall’Isis. La strada per il campo profughi di Ain Issa a nord della città è costellata di mine.

Rabi, 4, is screened for malnutrition in Ain Issa camp, #Syria, after fleeing violence in Ar Raqqa #ChildrenUnderAttackUNICEFmena</a> <a href="https://t.co/OD8xbUikMx">pic.twitter.com/OD8xbUikMx</a></p>— UNICEF (UNICEF) 14 giugno 2017

Secondo le Nazioni Unite 169 mila persone sono fuggite negli ultimi due mesi da Raqqa. L’Unicef fa sapere che sono 40.000 i bambini a rischio intrappolati nella città, sotto l’offensiva delle forze siriane, sostenute dai bombardamenti della coalizione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Irlanda, migranti: richiedi asilo e finisci in tenda, "condizioni disumane" secondo l'opposizione

Dublino, 200 richiedenti asilo accampati per strada: casi di scabbia e malattie respiratorie

Italia: arrivate 97 persone grazie ai corridoi umanitari