EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Attentato di Manila, forse un lupo solitario

Attentato di Manila, forse un lupo solitario
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A lanciare l'ipotesi è il presidente della Camera, per la polizia non è terrorismo

PUBBLICITÀ

All’esterno della morgue di Manila i famigliari aspettano le bare con le vittime dell’attentato incendiario che venerdì ha fatto 36 morti in un casinò. Nei giorni del lutto un’inchiesta prosegue a rilento. Per la polizia l’attentatore, che è entrato nel casinò con un fucile, ha dato fuoco a tutto ed è scappato coi soldi, sarebbe un folle ladro: “Ebbene, non possiamo dire cosa abbia spinto l’attentatore ad agire, ma apparentemente è disturbato mentalmente; non ha sparato a nessuno e perciò crediamo che non sia un terrorista” – ha detto il capo della polizia della regione.
Ma la versione della polizia non convince, tanto più che il sedicente stato islamico ha rivendicato l’attentato e che il Presidente della Camera dei rappresentanti delle Filippine, Pantaleon Alvarez, ha dichiarato che l’assalto “è un chiaro esempio di attacco terroristico, firmato da un lupo solitario”. Inoltre da giorni i soldati filippini combattono nel sud del Paese contro le milizie jihadiste. L’attentatore dopo aver scatenato il panico nel casinò si è dato fuoco in una camera d’albergo. La sua identità è ancora ignota sebbene le descrizioni concordino: è un uomo bianco con i baffi.

https://t.co/ho78u3pUG6 L’#Isis rivendica l’attacco nel resort di #Manila con 36 morti

— Agenzia ANSA (@Agenzia_Ansa) 2 giugno 2017

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Zelensky nelle Filippine e invita Marcos Jr. alla conferenza di pace in Svizzera

Filippine: terremoto di magnitudo 7.6 colpisce il sud del Paese, rientrata l'allerta tsunami

Filippine, la premio Nobel Maria Ressa assolta dall'accusa di evasione fiscale