EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Belgio, nel testo didattico di francese per rifugiati: "Papà lancia una bomba e va in prigione"

Belgio, nel testo didattico di francese per rifugiati: "Papà lancia una bomba e va in prigione"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le frasi all'interno del libro di testo su cui i migranti studiano il francese hanno scatenato un caso

PUBBLICITÀ

“Papà lancia una bomba”.
Sono di questo tenore le frasi contenute nel libro di testo che la scuola belga per stranieri Erasme fornisce ai migranti che vogliono superare l’esame che attesta la conoscenza della lingua francese. Raad, è in Belgio dal 2015. Si è iscritto alla scuola Erasme e per superare l’esame ha deciso di prendere anche lezioni private con Catherine. Ed è stata proprio lei a rendersi conto che la situazione era davvero a dir poco spiacevole. Indignata dalle frasi contenute nel libro ha deciso di pubblicarne le foto su i social media. Raad si è sentito offeso ma confessa che la prima emozione è stata la tristezza: “Francamente quando ho letto queste frasi in arabo mi sono sentito molto triste. In Iraq c‘è dolore ovunque. E ora mi tocca leggere queste cose. E’ molto triste”.
Catherine si è vergognata:
“Inizialmente non osavo tradurgli le frasi perchè mi è sembrata una cosa davvero seria e mi sono vergognata che il Belgio potesse produrre fornire simile materiale”.
Da quando il caso è scoppiato, la scuola ha tolto le frasi incriminate dai libri che fornisce ai suoi studenti stranieri. Venerdì si terrà una riunione d’emergenza della direzione per decidere quali azioni adottare. Il direttore dell’istituto ha dichiarato che le frasi sono state scritte e messe nei libri più di tre anni fa e solo per errore.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Belgio, uomini single richiedenti asilo esclusi dal sistema di accoglienza

Austria, i migranti dovranno lavorare per 10 ore a settimana per mantenere diritti e sussidi

Migranti: 87 salvati in mare da Medici senza frontiere, operazione messa a rischio da nave libica