EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Immigrazione, è emergenza apolidi

Immigrazione, è emergenza apolidi
Diritti d'autore 
Di Debora Gandini
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Lasciati nel limbo, spesso dimenticati e privati della loro libertà solo perché non hanno più documenti di identità o un paese a cui fare ancora riferimento.

PUBBLICITÀ

Lasciati nel limbo, spesso dimenticati e privati della loro libertà solo perché non hanno più documenti di identità o un paese a cui fare ancora riferimento. In pratica non hanno alcun diritto. E’ la condizioni di migliaia di profughi e immigrati che ogni giorno arrivano in molti paesi europei alla ricerca di un futuro migliore, un futuro che invece non riescono a trovare.

Prolonged detention of stateless people in Europe must end now. New #LockedInLimbo report sets an agenda for change https://t.co/FVngsibW1xpic.twitter.com/jsAf4xmUDP

— Statelessness Europe (@ENStatelessness) May 4, 2017

“La nostra ONG, European Network on Statelessness, ci racconta il Direttore Chris Nash durante la conferenza annuale a Budapest, sta lavorando su un programma chi aiuti a far capire agli stati europei che devono riformare alcune regole, come il sistema di detenzione, affinché una persona apolide non debba essere arrestata per forza secondo gli obblighi del diritto internazionale.”

Excellent presentation by Chris Nash, Director of European Network on Statelessness https://t.co/rP5e0jM7BD#SDGpic.twitter.com/tw1eN9Vxpu

— A4ID (@a4id) September 9, 2016

Da un nuovo rapporto dell’organizzazione emerge che questi immigrati, che non hanno alcuna cittadinanza, perché privi di quella di origine e non in possesso di un’altra, spesso trascorrono anche mesi in cella, in attesa che la giustizia si occupi di loro. “Sono arrivato con altre 300 persone. Volevo andare in l’Italia per poi passare in Germania, ma la barca è quasi affondata. Per fortuna sono arrivata i soccorsi ci che ci hanno tratto in salvo e portato a Cipro”, ci racconta Mazen, rifugiato siriano.

How can European countries end the detention of stateless people?
Find out here: https://t.co/xdukx37SmV#LockedInLimbo#iBelongpic.twitter.com/Y4XCxnuIvt

— UN Refugee Agency (@Refugees) May 4, 2017

Stando alle ultime stime dell’ONU sono centinaia le persone senza dimora in Europa a rischio di detenzione illegale solo perché apolidi. Un problema che, denuncia l’ONG, deve essere risolto il prima possibile dai vari governi dell’UE.

ADC Memorial participates on #LockedInLimbo conference of the European Network on #StatelessnessENStatelessness</a> <a href="https://t.co/CLAoBOgpuW">https://t.co/CLAoBOgpuW</a></p>&mdash; adcmemorial (adcmemorial) May 4, 2017

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ungheria: primo dibattito politico in circa 20 anni, accuse alla Tv pubblica di "falsità"

Salis esce dal carcere: ai domiciliari in Ungheria in attesa di processo ed elezioni europee

Ungheria: la nuova opposizione guidata da Péter Magyar sfida Orbán