Hamas accetta confini dello stato palestinese del 1967

Hamas accetta confini dello stato palestinese del 1967
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Hamas continua a non accettare esistenza di Israele, ma adesso concepisce uno stato palestinese entro i confini del 1967

PUBBLICITÀ

Hamas rendere noto un nuovo programma politico che contiene novità riguardo ai confini dello stato palestinese.

Nel documento l’organizzazione accetta per la prima volta formalmente l’idea che i confini della Palestina siano quelli del 1967, cioè quelli precedenti alla guerra dei Sei Giorni vinta da Israele e persa da Siria, Iraq e Giordania: una novità visto che Hamas sosteneva che i confini palestinesi dovessero ricalcare quelli stabiliti dall’ONU nel 1947, molto più estesi.

“Negli ultimi interventi della leadership di Hamas”, dice un uomo, “si è cercato di aprire un canale con Israele. Si percepisce come Meshaal voglia accreditarsi come interlocutore ad ogni costo. Non è stato sempre così, ma Hamas appare sempre più debole”.

Hamas nel documento non arriva a riconoscere lo stato d’Israele né accetta esplicitamente la cosiddetta soluzione dei due stati.

“Ci sono fattori endogeni e esogeni che spingono Hamas ad ammorbidire i toni per farsi più moderna e mostrarsi come un partito aperto al dibattito internazionale e non solo chiuso su sé stesso”.

Nel documento si aggiunge che non si cercherà di fare la guerra contro la popolazione ebraica, ma concentrerà i suoi sforzi solo contro il sionismo, cioè quel movimento che ha come obiettivo la ricostruzione in Palestina di uno stato ebraico.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, aumentano gli aiuti umanitari ma preoccupa la crisi idrica

Gaza: la maggior parte degli ostaggi di Hamas potrebbe essere morta

Gaza: il capo di Hamas Haniyeh informato della morte dei suoi figli, l'Idf rivendica l'attacco