Usa, manifestazioni in 150 città contro Trump: "Pubblichi la sua dichiarazione dei redditi"

Usa, manifestazioni in 150 città contro Trump: "Pubblichi la sua dichiarazione dei redditi"
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Migliaia di persone sono scese in piazza in diverse città degli Stati Uniti per chiedere al presidente Donald Trump di rendere pubblica la sua dichiarazione dei…

PUBBLICITÀ

Migliaia di persone sono scese in piazza in diverse città degli Stati Uniti per chiedere al presidente Donald Trump di rendere pubblica la sua dichiarazione dei
redditi.

La Tax March, promossa nel Tax Day, che negli Usa è la scadenza per il versamento delle imposte sul reddito, oltre che a New York, Chicago e Washington si è svolta in altre 140 città.

“Oggi, in tutti gli Stati Uniti, ci togliamo i guanti e diciamo che è ora di finirla con questo strappo fiscale”.

Per legge il presidente statunitense non ha l’obbligo di rendere noti i propri guadagni. Tuttavia Donald Trump è il primo inquilino della Casa Bianca a non farlo da quaranta anni a questa parte.

Solo le indiscrezioni giornalistiche danno qualche numero: nel 2005 il tycoon avrebbe versato 38 milioni di dollari di imposte su un reddito dichiarato di oltre 150 milioni.

In generale le manifestazioni della Tax March si sono svolte senza incidenti, eccetto che a Berkeley, in California, dove gruppi di manifestanti hanno finito per scontrarsi con la polizia, che ha fatto ricorso a cariche e a gas lacrimogeni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Primarie Usa, attesa per il Super tuesday: dove si vota e cosa aspettarsi

Primarie repubblicane a Washington D.C., prima vittoria di Nikki Haley su Donald Trump

Primarie Michigan: Trump batte Haley, Biden vince ma è bocciato dagli arabi-americani pro Palestina