EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Siria: l'opinione "riconquista Aleppo cancella ogni strategia di spartizione"

Siria: l'opinione "riconquista Aleppo cancella ogni strategia di spartizione"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La battaglia di Aleppo è vicina alla fine.

PUBBLICITÀ

La battaglia di Aleppo è vicina alla fine. La resa dei ribelli anti-Assad è imminente e il regime comincia a delineare il futuro della Siria.

Euronews ha raccolto l’opinione di Hisham Jaber, generale in congedo dell’esercito libanese e presidente del Centro Studi per il Medio Oriente: “Aleppo è uno dei tre pilastri della Siria unita e la sua conquista cancella ogni strategia di spartizione della Siria – spiega Jaber – Qualsiasi regime ci sia a Damasco, quando si controllano le tre grandi regioni: Damasco, la costa siriana e Aleppo, non si può dividere la Siria e spartirsela”.

La riconquista della città permetterà al regime di Bashar al Assad il controllo delle cinque città più importanti del Paese.

“Assad ha vinto una battaglia molto importante, ma non ha ancora vinto la guerra. Anche lui ha detto che è il primo passo, è la prima tappa – aggiunge Hisham Jaber – E, a mio parere, si riferiva alla fine della guerra. Ma chi ha detto che Assad vincerà la guerra? Se si guarda la cartina geografica, si vede che c‘è un molta strada ancora da fare. Da un punto di vista militare, la liberazione di Aleppo non è la soluzione definitiva”.

Assad non ha mai perso l’appoggio di Vladimir Putin. Il Presidente russo questo martedì ha tenuto un Consiglio di sicurezza sulla Siria e dialoga con la Turchia per risolvere l’emergenza ad Aleppo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Siria, morti e feriti per un attacco aereo russo in un'area controllata dalle milizie ribelli

Siria, attacco russo uccide almeno otto jihadisti

Attacchi israeliani su postazioni Hezbollah in Siria: feriti alcuni tecnici russi