Gambia: il presidente ora non riconosce più la sconfitta

Gambia: il presidente ora non riconosce più la sconfitta
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ha cambiato idea il presidente uscente del Gambia, che una settimana dopo aver riconosciuto la sconfitta alle elezioni non vuole ora più accettarne il risultato.

PUBBLICITÀ

Ha cambiato idea il presidente uscente del Gambia, che una settimana dopo aver riconosciuto la sconfitta alle elezioni non vuole ora più accettarne il risultato.
Yahya Jammeh, al potere da 22 anni, chiede ora che si ripeta il voto, a causa di una serie di errori della commissione elettorale e di impedimenti al voto:

“Così come avevo accettato in buona fede il risultato, pensando che la commissione elettorale indipendente fosse onesta e affidabile, ora respingo i risultati nella loro totalità”, ha detto il presidente, che il primo dicembre si era invece congratulato con il rivale, Adama Barrow.

Il vicino Senegal e gli Stati Uniti hanno immediatamente reagito parlando di “atto condannabile” e “violazione inaccettabile della fiducia dei gambiani”. La commissione elettorale ha in effetti riconosciuto un errore di conteggio, correggendolo e confermando la vittoria di Barrow, ma con soli 19.000 voti di vantaggio. Sulla base di informazioni errate, argomenta Jammeh, molte persone non hanno potuto votare, e quindi va ripetuto l’intero scrutinio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni in Thailandia, trionfano le opposizioni

Presidenziali in Montenegro, è ballottaggio

Ritardi, code, senza banconote e un seggio assaltato a Lagos: la Nigeria aspetta il nuovo presidente