La Croazia ricorda i 25 anni dall'assedio di Vukovar

La Croazia ricorda i 25 anni dall'assedio di Vukovar
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Cerimonia di commemorazione con il premier croato e decine di migliaia di partecipanti

PUBBLICITÀ

Decine di migliaia di persone hanno partecipato, in Croazia, alla commemorazione delle vittime della caduta di Vukovar, avvenuta 25 anni fa, durante il conflitto nella ex Jugoslavia.
Al termine di tre mesi di assedio da parte dei secessionisti serbi della Krajna, appoggiati dalle truppe di Belgrado, si contarono almeno 2000 vittime. Di molte non sono ancora stati ritrovati i corpi.

“È commovente vedere così tanta gente qui” sottolinea un veterano disabile, Damir Varazdinac. “Come ex combattente che ha partecipato alla guerra, non potrò mai ringraziare abbastanza queste persone che sono venute in così gran numero a rendere omaggio sia alle vittime di Vukovar sia a tutti coloro che hanno difeso la Croazia.”

“Cerco mia figlia dal 1991” rivela un’anziana donna, Milka Pancic. “Sono passati 25 anni, purtroppo. Le emozioni che provavo nel 1991 sono le stesse che ho nel 2016.”

Alla cerimonia ha partecipato il premier croato Zoran Milanovic. Non c’era invece la minoranza serba, che accusa le autorità di non riservare lo stesso tributo alle vittime serbe della guerra.

Gli abitanti di etnia croata, circa 22 mila persone, furono cacciati dalla città che restò sotto il controllo dei secessionisti fino al 1998.

Nel conflitto armato in Croazia, tra il 1991 e il 1995, rimasero uccise oltre 20 mila persone.

Today we remember the heroic #Vukovar ❤️
Vukovar #MemorialDay is a story of love, strength, pain and life✌️
Instagram photo by ivonavrcek pic.twitter.com/DHCIaQc6wp

— Croatia Full of life (@Croatia_hr) November 18, 2016

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Consiglio d'Europa: primo sì all'adesione del Kosovo. La condanna della Serbia

Guerra in Ucraina, Mosca dichiara agente straniero un giornalista della Bbc

La Repubblica serba di Bosnia contro la proposta all'Onu di Sarajevo: una giornata per Srebrenica