EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Wall Street apre contrastata dopo l'elezione di Donald Trump

Wall Street apre contrastata dopo l'elezione di Donald Trump
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Apertura esitante di Wall Street dopo l’elezione di Donald Trump a presidente degli Stati Uniti.

PUBBLICITÀ

Apertura esitante di Wall Street dopo l’elezione di Donald Trump a presidente degli Stati Uniti. Il mercato, che aveva previsto la vittoria della democratica Hillary Clinton, riduce le perdite rispetto alla tendenza pre-apertura quando i futures sugli indici erano arrivati a cedere più del 5%.

In avvio di seduta, invece, il Dow Jones apre appena sopra la parità (+0,14%), il Nasdaq perce lo 0,71%. Gli investitori si sentono rassicurati dal discorso pronunciato dal miliardario newyorchese che garantisce il mantenimento di relazioni forti con le altri grandi potenze.

In controtendenza i titoli farmaceutici che segnano netti guadagni, in seguito alla sconfitta della Clinton che aveva promesso la riduzione dei prezzi delle medicine.

In territorio negativo le borse europee sulle quali però non si è diffuso il panico: la situazione è meno drammatica rispetto a quella creatasi dopo un altro voto a sorpresa, quello sulla Brexit lo scorso giugno.

Londra cede lo 0,02, Francoforte quasi un punto percentuale, Milano poco più di un punto e mezzo. In Europa sono penalizzate le banche e le auto e tutti i settori esposti agli Stati Uniti.

Gli investitori si rivolgono ai beni rifugio come oro e yen e come il mercato delle obbligazioni, in particolare il Bund tedesco. Si riduce il rialzo dell’euro contro il dollaro, a metà giornata la moneta unica veniva scambiata intorno a 1,1.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, nessun riferimento di Harris alla candidatura presidenziale, ma un elogio all'eredità "ineguagliabile" lasciata da Biden

Stati Uniti: i leader europei salutano Biden dopo il ritiro dalla corsa alla presidenza

Trump tesse le lodi di Putin, Xi e Orbán, sull'attentato: "Ho preso un proiettile per la democrazia"