Erdogan contro l'Europa: "Chiamatemi pure dittatore, non mi importa"

Erdogan contro l'Europa: "Chiamatemi pure dittatore, non mi importa"
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il presidente turco risponde alle critiche recapitategli dopo l'arresto di politici del partito d'opposizione HDP

PUBBLICITÀ

Il presidente turco Recep Erdoğan in un discorso in un’ università di Istanbul ha replicato alle cancellerie occidentali e all’Unione Europea che lo hanno criticato per gli arresti di politici del partito d’opposizione HDP e di giornalisti, avvenuti negli ultimi due giorni.

“Non si devono preoccupare di niente. Sappiamo bene chi sono. Abbiamo studiato la loro storia. Io ho avuto modo di conoscerli molto bene durante i miei 14 anni come primo ministro e presidente. Li posso leggere come un libro aperto. Non mi importa se mi dicono dittatore o cose del genere. Da un orecchio mi entra e dall’altro mi esce”.

In un video messaggio al paese Erdogan ha usato parole altrettanto dure dicendo che l’Europa favorisce i terroristi filocurdi, sebbene abbia dichiarato il PKK una formazione terroristica.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turchia: i deputati dell'Hdp boicottano l'attività parlamentare dopo gli arresti

"Giù le mani, Erdogan". Montano le proteste contro gli arresti in Turchia

Turchia, attacco terroristico al tribunale di Istanbul: tre morti e sei feriti