EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Marocco: undici indagati per la morte del pescivendolo abusivo

Marocco: undici indagati per la morte del pescivendolo abusivo
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L’indignazione della piazza in Marocco per la morte di un venditore abusivo di pesce ha portato i suoi frutti, a giudicare dalle accuse a carico di undici persone, ufficialmente indagate per omicidio

PUBBLICITÀ

L’indignazione della piazza in Marocco per la morte di un venditore abusivo di pesce ha portato i suoi frutti, a giudicare dalle accuse a carico di undici persone, ufficialmente indagate per omicidio preterintenzionale e falso.
Il Ministro dell’Interno ha poi incontrato la famiglia della vittima.
Degli indagati, tre sono stati rilasciati ma restano sotto indagine, mentre gli altri otto restano in carcere, e sono il delegato e uno dei capi delegazione della pesca, il veterinario responsabile, due agenti del Ministero dell’Interno e tre dipendenti della società di raccolta dei rifiuti.
Mouhcine Fikri era morto in un camion tritarifiuti mentre cercava di recuperare il suo pesce, che gli agenti gli avevano confiscato gettandolo direttamente nel camion.
Da lì era partita una catena di coperture che la piazza ha contestato in tutto il Paese, nel giorno dei funerali della vittima.
Il Re, Mohammed VI, aveva ordinato di far luce sul caso e l’inchiesta è partita immediatamente: l’ipotesi è quella dell’incidente, è stato escluso l’omicidio volontario, ma in qualche modo, secondo gli inquirenti, sarebbe stato l’atteggiamento degli agenti a causare la tragedia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Pakistan: tre morti e venti feriti in un attacco durante una marcia per la pace

Proteste in Bangladesh: studenti in piazza contro il governo, aumentano i morti negli scontri

Spagna, Palma di Maiorca si ribella al turismo di massa