EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Caccia alle balene, il Giappone non arretra

Caccia alle balene, il Giappone non arretra
Diritti d'autore 
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Tokyo concede ad alcune comunità costiere permessi per consumo esclusivamente locale. Per molti osservatori è l'ennesima copertura alla caccia indiscriminata

PUBBLICITÀ

Sulla caccia alle balene ancora una volta il Giappone va contro la comunità internazionale.

WIN FOR WHALES! #IWC66 votes to ensure tighter scrutiny of Japan’s so-called scientific whaling! pic.twitter.com/riJ3cQoMsQ

— IFAW (@action4ifaw) 27 ottobre 2016

L’annuale riunione della Commissione baleniera internazionale si è conclusa con una mezza battuta d’arresto per i sostenitori di una maggiore protezione dei cetacei. I membri hanno respinto l’idea di creare un santuario per balene, ma sono riusciti a rafforzare la sorveglianza sulla pesca da parte del paese del Sol Levante. Tokyo, dal canto suo, ha fatto sapere che intende concedere ad alcune comunità costiere permessi per consumo esclusivamente locale. Un punto che secondo molti osservatori sembra l’ennesima copertura alla caccia indiscriminata.

BREAKING: International Whaling Commission clamps down on Japan's “Scientific Whaling” https://t.co/occeybZNAtpic.twitter.com/m9VxJ2UUJu

— Quad Finn (@Quad_Finn) 27 October 2016

“Ora vedremo se la nuova istanza porterà un cambiamento”, spiega NIcolas Entrup, consulente di una Ong ecologista svizzera OceanCare, rammaricandosi per il fatto che la Commissione non abbia fatto alcuna pressione reale su Tokyo. “Dubito che il Paese del Sol Levante accetti, anche se la comunità internazionale è stata chiara: vogliamo un processo indipendente, prosegue Entrup.

Sulla base di una moratoria sulla caccia alle balene introdotta 30 anni fa per preservare i cetacei, ogni forma di caccia alla balena è proibita ad esclusione di quella condotta per la sussistenza delle comunità aborigene o per la ricerca scientifica.

Dal 1986 16.235 balene sono state uccise in nome della scienza, oltre 24.000 per scopi commerciali e altre 10,139 per la sopravvivenza delle comunità indigene. Dopo una decisione dell’Aja, il Giappone nella stagione 2014-2015 aveva la rinuncia alla caccia, prima volta in 27 anni. Ma il numero delle balenottere minori uccise nell’Antartico in questi primi mesi dell’anno dal Giappone per fini scientifici resta comunque elevato: 333. Tra gli altri paesi cacciatori c‘è la Norvegia, con 736 balene uccise nel 2014, e l’Islanda.

US: Strongly urges Iceland + Norway to cease all commercial whaling + trade in whale meat immediately. #IWC66pic.twitter.com/7ja1KMhJBY

— IFAW (@action4ifaw) 27 October 2016

Intanto slitta ancora la creazione di un santuario nell’Atlantico del sud, proposta da diversi paesi dell’emisfero meridionale. Attualmente esistono due santuari, uno nell’Oceano Indiano, l’altro nell’Oceano Antartico dove caccia il Giappone.

No a maxi santuario per le #balene nell'Atlantico: la vittoria dei Paesi cacciatori #IWC66#IWC2016#whaleshttps://t.co/KX2oYhjk8fpic.twitter.com/8IY2nCryqH

— beatrice montini (@beamontini) 25 ottobre 2016

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

VivaTech 2024: l'AI al centro dell'attenzione alla fiera tecnologica francese

Stati Uniti, Biden sugli alleati India e Giappone: "Xenofobi perché non accolgono gli immigrati"

Giappone: scontro tra elicotteri militari, un morto e sette dispersi