Venezuela, migliaia in piazza vs Maduro. Indetto sciopero generale per venerdì

Venezuela, migliaia in piazza vs Maduro. Indetto sciopero generale per venerdì
Di Andrea Neri
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

In Venezuela l’opposizione antichavista alza di un tono il livello della protesta contro il Presidente Nicolas Maduro e torna in strada per chiedere la revoca del mandato al Capo dello…

PUBBLICITÀ

In Venezuela l’opposizione antichavista alza di un tono il livello della protesta contro il Presidente Nicolas Maduro e torna in strada per chiedere la revoca del mandato al Capo dello Stato. L’opposizione ha indetto uno sciopero generale per venerdì prossimo e prevede un corteo che dovrebbe arrivare fino a Miraflores, il Palazzo presidenziale, giovedì della settimana successiva.

La nuova ondata di proteste è stata la risposta alla decisione del Consiglio Elettorale Nazionale di sospendere il processo di preparazione per il referendum revocatorio che dovrebbe portare a sospendere le funzioni del Presidente.

“In Venezuela c‘è stato un golpe. Io ho difeso e continuo a difendere la strada del voto perchè credo che dobbiamo proiettare il Paese oltre Maduro. Dobbiamo pensare a come sarà questo Paese a partire dal giorno dopo che se ne sarà andato Maduro” ha detto durante la manifestazione a Caracas il leader d’opposizione Henrique Capriles.

Il governo del Presidente ha reagito con la massima fermezza alla convocazione dello sciopero annunciando che l’esercito occuperà le aziende che vi aderiranno.

“A tutti quelli che hanno fatto appello alla violenza e abbiano delle responsabilità legali, che le abbiano assunte o meno: che si presentino di fronte al Paese, che chiedano perdono e la giusitzia avrà una parola saggia per la ricerca della pace” ha detto Nicolas Maduro durante un gabinetto del Consiglio di Difesa della Nazione trasmesso in diretta tv, attuando una sorta di apertura verso un dialogo che sembra tuttavia improbabile.

La giornata di protesta, che ha portato in strada centinaia di migliaia di persone in tutto il Paese, giovani e studenti in prima fila, ha fatto registrare anche scontri tra manifestanti e polizia a Tachira, nell’Ovest del Venezuela. Circa 80 gli arresti nei vari cortei di protesta e 20 le persone ferite, 4 delle quali da colpi d’arma da fuoco.

Mujeres tachirenses impidiendo q efectivos militares disolvieran protesta cerca del CNE San Cristòbal. #LaTomaDeVenezuela#Táchirapic.twitter.com/1yJ4molZJS

— Luz Dary Depablos (@luzdarydepablos) 26 ottobre 2016

Venezuela’s opposition called for a nationwide strike Friday https://t.co/QuU0NMCvtWpic.twitter.com/sunUEAE5SN

— Bloomberg (@business) 26 ottobre 2016

Nuestro compañero Junior Ayala de PJ Barinas perdió su ojo izquierdo por tiro a quemarropa! Allí está el diálogo de Maduro! pic.twitter.com/5yVrprVb6f

— Henrique Capriles R. (@hcapriles) 27 ottobre 2016

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Proteste degli agricoltori a Bruxelles, trattori e roghi nel Quartiere europeo

Polonia, si ampliano le proteste degli agricoltori: occupata l'autostrada che porta in Germania

Protesta degli agricoltori in Spagna: a Madrid 500 trattori e migliaia di persone in piazza