EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Germania: Merkel riconosce la sconfitta della CDU. A Berlino clamoroso risultato di AfD

Germania: Merkel riconosce la sconfitta della CDU. A Berlino clamoroso risultato di AfD
Diritti d'autore 
Di Simona Volta
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Angela Merkel riconosce la sconfitta e se ne assume, almeno in parte, la responsabilità.

PUBBLICITÀ

Angela Merkel riconosce la sconfitta e se ne assume, almeno in parte, la responsabilità. Nelle elezioni di domenica, nella città-regione di Berlino, la CDU della cancelliera tedesca ha raccolto il 17,6% dei voti perdendo 5,7 punti rispetto alle consultazioni precedenti. A pesare sul risultato delle urne la politica sui migranti voluta dal governo tedesco. Merkel ha garantito che un afflusso di profughi simile a quello registrato in Germania nel 2015 non si ripeterà. Poi è tornata sullo slogan scelto proprio a proposito dell’accoglienza ai migranti.

“La frase ‘possiamo farcela’ – ha spiegato – fa parte del mio lavoro politico, è un modo di dire che indica una posizione ed è un obiettivo. Questa espressione quotidiana è stata spesso male interpretata e le sono stati dati significati reconditi. Al punto che ora sono poco incline a ripeterla”.

Per la CDU si tratta della quinta sonfitta consecutiva in altrettante elezioni regionali. Dopo un simile risultato, anche i rapporti con gli alleati della CSU sembrano inasprirsi. Invano l’Unione Cristiano-Sociale in Baviera aveva chiesto di porre un tetto annuo all’ingresso dei rifugiati nel Paese.

In voller Länge: Statement Angela #Merkel: Vertrauen zurückgewinnen – mit tragfähigen Lösungen, Schritt für Schritt. https://t.co/857s2WZIXp

— CDU Deutschlands (@CDU) September 19, 2016

Avanzano i populisti di AfD

Ma il responso delle urne forse più clamoroso è l’avanzata di Alternativ für Deutschland, che ha ottenuto il 14,2% delle preferenze. Il partito populista e xenofobo ora è presente in dieci su sedici parlamenti regionali della Germania.

“Il fatto che AfD esista – chiarisce la leader del partito Frauke Petry – è sintomo del fallimento
dei partiti tradizionali, che hanno perso la capacità e le competenze per risolvere i problemi”.

Zum Eingestehen eines Fehlers gehört auch das Tragen der Konsequenzen: Treten Sie zurück, Frau Merkel\#AfD#CDU *https://t.co/Ss9yUtLZwo

— Frauke Petry (@FraukePetry) September 19, 2016

Dalla sua nascita, tre anni fa, Alternativa per la Germania è cresciuta in modo esponenziale, così come sono cresciuti in tutta Europa i partiti che chiedono la chiusura delle frontiere e uno stop all’ingresso dei migranti. Ma in Germania l’effetto è forse più destabilizzante perché, di fatto, AfD sembra stia riuscendo a infrangere il tabu del dopoguerra: imporre una politica di destra che spesso flirta con le tesi della destra estrema. Ora il loro obiettivo è imporsi nelle elezioni legislative per il rinnovo del Bundestag in programma nell’autunno del prossimo anno.

Per Berlino un governo di centro sinistra

Bocciata la ‘Grosse Koalition’ tra CDU e SPD, per Berlino si prospetta un governo di coalizione di centro sinistra tra i socialisti dell’SPD, Die Linke e i Verdi.
Le prossime elezioni regionali in Germania sono previste per la prossima primavera, quando
a votare saranno gli abitanti del Nordreno-Vestfalia. Alle urne saranno chiamati più di 12 milioni di cittadini. Si tratterà dell’ennesimo test per Angela Merkel. Chi vince in quella regione ha un’ottima possibilità di imporsi anche alle politiche.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania, Angela Merkel compie 70 anni: una vita dedicata alla politica

Macron a Berlino: dopo 24 anni un presidente francese in visita di Stato in Germania

Germania: a Berlino il museo del cibo disgustoso, molto più di una semplice esperienza sensoriale