EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Grecia, crisi migranti: campi al collasso, il governo si impegna a fare meglio

Grecia, crisi migranti: campi al collasso, il governo si impegna a fare meglio
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In Grecia le autorità, secondo una fonte ufficiale del governo, si sono impegnate per migliorare le condizioni dei richiedenti asilo, costruendo nuove strutture.

PUBBLICITÀ

In Grecia le autorità, secondo una fonte ufficiale del governo, si sono impegnate per migliorare le condizioni dei richiedenti asilo, costruendo nuove strutture. I campi sono attualmente al collasso. Sono 57mila i migranti bloccati, oltre 10.700 sono ospitati in cinque isole che possono accoglierne solo 7.450. I minori presenti in tutta la Grecia sono 3.800.

Save the Children chiede aiuto all’Europa:“I numeri degli arrivi in Grecia sono raddoppiati dall’inizio dell’estate e questo è particolarmente preoccupante perché le strutture di accoglienza sono già sature, al punto di rottura sulle isole di Chio, Samo e Lesbo dove operiamo. Questo significa che i bambini e i loro genitori vivono in condizioni insopportabili e questa situazione non migliorerà. Chiediamo all’Unione Europea di dare più risorse alle autorità greche”, dice Jacqueline Hale, responsabile delle attività di sensibilizzazione, Save the Children.

Ai migranti non è garantita la necessaria protezione e spesso l’accesso ai servizi di base è limitato, con una precaria situazione sanitaria. Durante l’estate le condizioni di vita ancora più insopportabili con le temperature che toccano anche i 45 gradi durante il giorno. Mentre gli sbarchi non si fermano.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Trattamenti "disumani" per i migranti nel Mar Egeo: un rapporto di Msf svela i presunti abusi

Grecia, quattro migranti morti in un naufragio al largo di Lesbo

Austria, i migranti dovranno lavorare per 10 ore a settimana per mantenere diritti e sussidi