ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Iran, un business all'acqua di rose. Viaggio tra le essenze profumate

Lettura in corso:

Iran, un business all'acqua di rose. Viaggio tra le essenze profumate

Iran, un business all'acqua di rose. Viaggio tra le essenze profumate
Dimensioni di testo Aa Aa

In Iran la distillazione di essenze non è certo qualcosa che si fa all’acqua di rose. Chiedetelo agli abitanti di Qamsar, cittadina dove ogni anno, all’inizio di maggio, ci si dedica alla produzione dell’omonimo liquido profumato. Una vera e propria cerimonia che attrae nella regione di Kashan circa 80 mila persone al giorno. “Arriviamo alle cinque del mattino e lavoriamo fino a pomeriggio inoltrato”, spiega uno dei raccoglitori. “Il nostro compito è quello di raccogliere i fiori e portarli alla pesatura”.

Ingrediente principale: la rosa di Damasco. “È uno dei fiori più belli e profumati del mondo cresce proprio qua, in quest’area desertica dell’Iran”, spiega il nostro corrispondente Javad Montazeri. “L’alta qualità trae le sue radici dalle condizioni naturali e dal clima della regione. Una volta raccolti, questi fiori vengono portati a Qamsar per produrre l’acqua di rose”, aggiunge.

Il procedimento, completamente artigianale, risalirebbe addirittura all’epoca dell’impero dei Safavidi. “Mettiamo 30 chili di fiori e 70 litri d’acqua in questi pentoloni di rame e poi sigilliamo i coperchi”, spiega il produttore Ali Mazroomi. “Servono quasi quattro ore per arrivare ad ebollizione e il vapore risultante passa nei contenitori di acqua fredda e si trasforma in acqua di rose, per una quantità di circa 40 litri”, conclude.

L’Iran, con circa 26 mila tonnellate distillate ogni anno, è il più grande produttore del mondo: “L’autentica acqua di rose di Qamsar è esportata principalmente nei Paesi arabi e in Francia”, racconta un distributore, Mohammad Ghannayi. “Quest’essenza oleosa viene utilizzata come detergente e viene principalmente esportata in Francia per produrre profumi e creme. È utilizzata come ingrediente di base per profumi organici che utilizzano l’essenza della rosa di Damasco”. E che spesso tornano in Iran, un mercato della cosmetica che vale un miliardo e mezzo di dollari.