Abadi: "La crisi politica in Iraq può compromettere la lotta all'Isil"

Abadi: "La crisi politica in Iraq può compromettere la lotta all'Isil"
Di Eri Garuti
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Non c‘è pace per l’Iraq, nemmeno in parlamento.Il premier Haider al-Abadi afferma che il Paese non può permettersi una crisi politica mentre combatte

PUBBLICITÀ

Non c‘è pace per l’Iraq, nemmeno in parlamento.Il premier Haider al-Abadi afferma che il Paese non può permettersi una crisi politica mentre combatte contro l’Isil.

Il premier aveva promesso un rimpasto di governo con l’inserimento di tecnici, ma aveva poi ceduto alle pressioni dei gruppi politici mantenendo al loro posto i ministri dell’interno e della difesa.

In settimana il parlamento è stato teatro di tafferugli, in particolare tra deputati curdi e sciiti.

Abadi, uno sciita del partito Dawa, aveva annunciato il rimpasto a febbraio dopo che altri sciiti, quelli di Moqtada al Sadr, più radicali, erano scesi in piazza a Bassora e in varie città del sud contro il governo e la corruzione politica.

Ampie aree dell’Iraq rimangono nelle mani dell’Isil, che recentemente a Mosul ha distrutto due antiche porte della cinta muraria di Ninive, risalenti al primo millennio avanti Cristo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Medio Oriente: gli Stati Uniti attaccano milizie filo-iraniane in Iraq e Siria

Iraq: al via i colloqui per la fine dell'operazione militare contro l'Isis

Iran e la guerra per procura: gruppo armato attacca una base in Iraq, feriti soldati Usa