EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Timore per sicurezza centrali nucleari in Belgio dopo gli attentati

Timore per sicurezza centrali nucleari in Belgio dopo gli attentati
Diritti d'autore 
Di Andrea Neri
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Gli attentati di Bruxelles tornano a sollevare gli interrogativi e le preoccupazioni sulla sicurezza delle centrali nucleari. Da anni i sindacati di

PUBBLICITÀ

Gli attentati di Bruxelles tornano a sollevare gli interrogativi e le preoccupazioni sulla sicurezza delle centrali nucleari. Da anni i sindacati di settore e le associazioni ambientaliste denunciano i rischi collegati all’ampio ricorso ai subappalti nella gestione di numerosi interventi tecnici, in Belgio come in Francia o in Germania.

Martedì dopo gli attacchi all’aeroporto e alla metro tutto il personale non strettamente indispensabile era stato evacuato dalle due centrali in funzione nel Paese, quella di Tihange, vicino a Liegi, e quella di Doel, al confino con i Paesi Bassi.

Una misura descritta come precauzionale ma che fa pensare al precedente del 2012: Ilyass Boughalab, tecnico saldatore a più riprese intervenuto nell’area reattore della centrale di Doel come dipendente di una società terza, era finito sotto processo nell’inchiesta per terrorismo “Sharia Belgio”. La procura aveva chiesto 5 anni di reclusione ma l’uomo si era nel frattempo recato in Siria per unirsi a un gruppo jihadista.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Belgio, arrestato un presunto complice dell'attentatore di Bruxelles

Bruxelles, "Uniti contro il terrorismo" . Il messaggio dei primi ministri di Belgio e Svezia

Ucciso l'attentatore di Bruxelles: era un tunisino di 45 anni