EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Commissariamento quotidiano Zaman, a Istanbul muro umano contro la polizia

Commissariamento quotidiano Zaman, a Istanbul muro umano contro la polizia
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Proteste contro l'esecuzione dell'ordine di un tribunale. Gli agenti fanno uso di lacrimogeni e idranti.

PUBBLICITÀ

Un muro umano, formato da lettori, sostenitori e giornalisti di Zaman, per impedire alla polizia di eseguire l’ordine di commissariamento del quotidiano turco.

Le forze dell’ordine hanno fatto uso di lacrimogeni e di idranti per disperdere la folla che si era frapposta tra esse e la sede, a Bahçelievler, sobborgo di Istanbul, del giornale fortemente critico verso il presidente Recep Tayyip Erdogan.

Ultimo atto, almeno per il momento, della guerra intrapresa dal potere in Turchia contro la stampa.

Proteste dall’opposizione e dal consiglio d’Europa, proprio mentre Ankara negozia con Bruxelles un accordo sulla gestione dei migranti che porterà in dote milioni di euro.

“Sfortunatamente – ha affermato il direttore di Zaman, Abdulhamiti Bilici – è diventata un’abitudine degli ultimi 3, 4 anni che chiunque si esprima contro le politiche del governo vada incontro a processi, prigione o controllo da parte del governo. Penso sia un periodo buio per il nostro Paese, per la nostra democrazia. Ma io non penso che questo periodo nero continuerà”.

Come in altri recenti casi, a indurre l’intervento del tribunale sono stati i legami dell’editore del quotidiano con Fethullah Gulen, imam ex alleato e ora acerrimo nemico di Erdogan, rifugiato negli Stati Uniti e sul quale pende un mandato di cattura.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna, Palma di Maiorca si ribella al turismo di massa

Città del Messico, migliaia in piazza per i diritti degli animali

Kenya, altre proteste e violenze in varie città: morti e feriti secondo ong e media locali