This content is not available in your region

Siria: 'gruppo Riad' accetta la tregua, Mosca "nessun piano B su divisione Paese"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Siria: 'gruppo Riad' accetta la tregua, Mosca "nessun piano B su divisione Paese"

L’opposizione siriana rispetterà la tregua in programma il 27 febbraio per due settimane. L’annuncio arriva dall’Alto comitato negoziale (Hnc), la sigla che riunisce le opposizioni anti-Assad nata a Riad. Un passo necessario alla riuscita, almeno parziale, del cessate il fuoco che segue il via libera di Damasco.

“Siamo sicuri che la Russia agirà, ma il problema è nel merito dell’accordo – dice il portavoce del Hnc, Salem al-Meslet – se bombardano al-Nusra – noi non difendiamo al-Nusra, siamo contro al Qaeda, siamo contro l’Isil – ma forse useranno questa scusa per colpire i combattenti moderati, per colpire l’esercito siriano libero”.

L’iniziativa congiunta di Stati Unite e Russia sembra essere la più concreta dall’inizio del conflitto, tanto che nei prossimi giorni, i capi delle operazioni di Mosca e Washington si incontreranno per formare una task force con il compito di controllare il rispetto della tregua.

Mosca, però, è preoccupata dalle dichiarazioni di certi partner occidentali, inclusi gli Stati Uniti, “sull’esistenza di un Piano B per la divisione della Siria”, ha detto il vice ministro degli Esteri russo Mikhail Bogdanov.