Israele protesta contro Svezia, Wallström chiedeva inchiesta su morti palestinesi

Israele protesta contro Svezia, Wallström chiedeva inchiesta su morti palestinesi
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dopo le dichiarazioni del ministro degli Esteri svedese, Israele protesta ufficialmente convocando l'ambasciatore di Stoccolma.

PUBBLICITÀ

Irritazione di Israele per i commenti della ministra degli Esteri svedese sui palestinesi uccisi dalle forze dello Stato ebraico: Margot Wallström viene dichiarata persona non grata e l’ambasciatore Carl Magnus Nesser viene convocato al ministero degli Esteri a Gerusalemme. Israele aveva protestato con l’ambasciatore già nel 2014 quando Stoccolma aveva riconosciuto lo Stato palestinese.

“La risposta israeliana è stata presumibilmente sproporzionata – aveva detto Wallström martedì – al punto che si possono fortemente sospettare delle uccisioni extragiudiziali. Le organizzazioni per i diritti umani e gli esperti di diritto internazionale hanno espresso preoccupazioni simili. È essenziale che vengano compiute indagini accurate, credibili su queste morti per fare chiarezza e stabilire eventuali responsabilità”.

Centocinquanta palestinesi sono stati uccisi negli ultimi due mesi: secondo Israele buona parte ha compiuto o tentato attacchi con coltelli. Ventitre i morti israeliani. Unione Europea, Onu e Stati Uniti hanno richiamato lo Stato ebraico all’autocontrollo per evitare un ulteriore aggravarsi della violenza.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Svezia: uomo polacco ucciso davanti al figlio di dodici anni per aver rimproverato dei ragazzi

Operatore polacco morto nell'attacco al convoglio di Wck: è crisi diplomatica tra Israele e Polonia

Sci a Courchevel: allenatori italiani accusati dai francesi di non pagare le tasse