ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Israele protesta contro Svezia, Wallström chiedeva inchiesta su morti palestinesi

Israele protesta contro Svezia, Wallström chiedeva inchiesta su morti palestinesi
Dimensioni di testo Aa Aa

Irritazione di Israele per i commenti della ministra degli Esteri svedese sui palestinesi uccisi dalle forze dello Stato ebraico: Margot Wallström viene dichiarata persona non grata e l’ambasciatore Carl Magnus Nesser viene convocato al ministero degli Esteri a Gerusalemme. Israele aveva protestato con l’ambasciatore già nel 2014 quando Stoccolma aveva riconosciuto lo Stato palestinese.

“La risposta israeliana è stata presumibilmente sproporzionata – aveva detto Wallström martedì – al punto che si possono fortemente sospettare delle uccisioni extragiudiziali. Le organizzazioni per i diritti umani e gli esperti di diritto internazionale hanno espresso preoccupazioni simili. È essenziale che vengano compiute indagini accurate, credibili su queste morti per fare chiarezza e stabilire eventuali responsabilità”.

Centocinquanta palestinesi sono stati uccisi negli ultimi due mesi: secondo Israele buona parte ha compiuto o tentato attacchi con coltelli. Ventitre i morti israeliani. Unione Europea, Onu e Stati Uniti hanno richiamato lo Stato ebraico all’autocontrollo per evitare un ulteriore aggravarsi della violenza.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.