EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Lipsia: cortei contrapposti pro e anti-migranti, simbolo di una Germania divisa

Lipsia: cortei contrapposti pro e anti-migranti, simbolo di una Germania divisa
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Legida chiama a raccolta i suoi a Lipsia, in Germania. Secondo la polizia si sono radunati circa 3 mila sostenitori della declinazione locale del

PUBBLICITÀ

Legida chiama a raccolta i suoi a Lipsia, in Germania. Secondo la polizia si sono radunati circa 3 mila sostenitori della declinazione locale del movimento di estrema destra anti-Islam Pegida. Tutti in strada contro le politiche di accoglienza dei migranti della Merkel agitando cartelli con scritto “No ai rifugiati violentatori”.

“Quello che ci ha fatto arrabbiare in questi ultimi mesi, settimane è il modo in cui le autorità hanno gestito la situazione dei migranti. Insieme a me, in molti altri temono che tutto questo avrà conseguenze negative”, spiega un dimostrante.

In contemporanea centinaia di contro-manifestanti hanno marciato attraverso la città tedesco-orientale di Lipsia per lanciare invece un appello alla “tolleranza e alla convivenza”. E anche per denunciare, dopo le violenze di Colonia, il rischio di percepire come pericolosi tutti gli stranieri.

“È importante non generalizzare ma è allo stesso modo necessario che tutti partecipino al processo di integrazione sociale. Tutto questo non va preso alla leggera ma è pericoloso generalizzare sulla base di azioni fatte da alcune persone”, dice una giovane.

È la Germania spaccata a metà che sfila in miniatura a Lipsia dove a dividere le due anime c‘è un cordone di polizia. Il successo, anche elettore, di Pegida rischia di travolgere la Merkel sempre più criticata anche all’interno del suo stesso partito.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Merkel sotto pressione sui migranti e aggressioni Colonia, terreno fertile per estrema destra

Capodanno: molestie sessuali in Svizzera e Finlandia, a Colonia nessun arresto

Germania: polemiche dopo le aggressioni a Colonia