Lega Araba: "Turchia ritiri truppe dal Nord Iraq"

Lega Araba: "Turchia ritiri truppe dal Nord Iraq"
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Lega Araba chiede alla Turchia di ritirare le sue truppe dal nord Iraq. I ministri degli esteri arabi si sono riuniti al Cairo su richiesta di

PUBBLICITÀ

La Lega Araba chiede alla Turchia di ritirare le sue truppe dal nord Iraq.

I ministri degli esteri arabi si sono riuniti al Cairo su richiesta di Baghdad.

La Turchia aveva ritirato lunedì solo una parte delle sue forze dalla regione di Mosul, dopo averne giustificata la presenza affermando che serviva a proteggere le unità turche che addestrano combattenti iracheni per la lotta all’Isil.

Il Segretario Generale della Lega Araba ha condannato il dispiegamento militare turco.

“Sosteniamo la richiesta dell’Iraq e questo riflette la grande solidarietà araba nei suoi confronti” ha affermato Nabil El Araby. “Come Paesi arabi siamo al fianco dell’Iraq e chiediamo alla Turchia il ritiro immediato delle sue forze militari e il ritorno entro i confini riconosciuti tra i due Paesi.”

Baghdad aveva inviato una lettera di protesta anche al Consiglio di Sicurezza dell’Onu chiedendo di imporre ad Ankara il rispetto delle norme internazionali.

“È improbabile che l’Iraq risponda militarmente all’intervento turco” spiega il corrispondente di euronews al Cairo, Mohammed Shaikhibrahim “sia perché in questo momento è impegnato su più fronti contro l’Isil, sia perché le divisioni politiche e settarie di cui il governo e il popolo iracheno hanno sofferto portano Baghdad a preferire passi diplomatici, che forse avranno successo nel porre termine alla crisi.”

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Paesi Bassi: tribunale olandese blocca forniture di componenti di F-35 a Israele

Spagna: rami di albero contro le montagne russe, 14 feriti

Ucraina: Zaluzhny rimosso dalla guida dell'esercito, ecco cosa ne pensano i soldati