EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Tunisia: Isil rivendica strage sul bus: "siamo stati noi"

Tunisia: Isil rivendica strage sul bus: "siamo stati noi"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L’Isil ammette la paternità dell’attentato di Tunisi contro il bus con a bordo agenti della guardia presidenziale. A sottolineare la veridicità del

PUBBLICITÀ

L’Isil ammette la paternità dell’attentato di Tunisi contro il bus con a bordo agenti della guardia presidenziale.

A sottolineare la veridicità del messaggio il fatto che questo abbia descritto nei particolari sia l’azione che l’attentatore kamikaze. Si tratta di Abou Abdallah Tounsi, ritratto anche in un fotogramma. Il messaggio si conclude con una minaccia agli agenti delle forze dell’ordine e ai militari di continuare fino a che non verrà ristabilita la Sharia islamica.

La Tunisia ha dichiarato lo stato di emergenza con il coprifuoco nella capitale Tunisi.

Così il premier Habib Essid che ha chiesto al paese una risposta unitaria contro il terrorismo: “Vorrei ricordare che la lotta contro il terrorismo non è solo competenza del governo, delle forze di sicurezza o dell’esercito, ma che si tratta di una responsabilità nazionale e la gente deve comprendere che il nostro Paese è in pericolo. Dobbiamo essere uniti”.

L’attentatore si è fatto esplodere all’interno del pullman impiegando uno zaino o una cintura contenente 10 chili di esplosivo militare. La polizia scientifica è riuscita a identificare 12 delle 13 vittime grazie all’analisi delle impronte digitali. Ancora ignota l’identità del tredicesimo cadavere, che potrebbe essere quasi certamente quello del kamikaze.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Tunisia vittima del fondamentalismo

Germania, si apre processo contro i Cittadini del Reich per un tentato colpo di Stato

Russia, respinto l'appello di un uomo arrestato per l'attentato alla Crocus city hall di Mosca