EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Repubblica di Macedonia: al confine poliziotti con manganelli contro i migranti

Repubblica di Macedonia: al confine poliziotti con manganelli contro i migranti
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I poliziotti macedoni gestiscono con i manganelli l’afflusso di migranti dalla Grecia. Persone che hanno passato la notte all’aperto, sotto la

PUBBLICITÀ

I poliziotti macedoni gestiscono con i manganelli l’afflusso di migranti dalla Grecia. Persone che hanno passato la notte all’aperto, sotto la pioggia, in accampamenti di fortuna.
Tra tremila e quattromila profughi arrivano ogni giorno, ha fatto sapere il governo, che prevede di erigere una barriera lungo la frontiera con la Grecia.

Una soluzione secondo Skopjie davanti all’emergenza umanitaria rappresentata da migliaia di persone che scappano da fame e guerre e che si ritrovano alla frontiera trattati come cani.

Nella notte da Gevgeljia, nel sud della Repubblica di Macedonia, una cinquantina di autobus e tre treni hanno trasportato oltre 5000 migranti verso la Serbia. A ritmi regolari i viaggi dei profughi sono proseguiti in giornata. L’obiettivo è raggiungere la Germania attraverso Ungheria e Austria, o proseguire più a nord, verso la Svezia.

Una volta in territorio macedone, i migranti si avviano lungo un sentiero accanto ai binari della ferrovia. Un centro dell’Alto Commissariato Onu per i Rifugiati mette a disposizione cure, cibo e acqua, e documenti per poter viaggiare. Nei prossimi giorni dovrebbero arrivare circa 23mila migranti dall’isola di Lesbo per decisione di Atene.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Austria, i migranti dovranno lavorare per 10 ore a settimana per mantenere diritti e sussidi

Cipro è in grado di gestire il flusso dei richiedenti asilo?

Serbia e Ue firmano accordo di per la gestione dei confini per contrastare la migrazione illegale