EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Francia: agricoltori di nuovo in piazza

Francia: agricoltori di nuovo in piazza
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Chi semina miseria raccoglie tempesta. Gli agricoltori francesi ancora in piazza per reclamare più aiuti pubblci di fronte alla crisi del settore

PUBBLICITÀ

Chi semina miseria raccoglie tempesta. Gli agricoltori francesi ancora in piazza per reclamare più aiuti pubblci di fronte alla crisi del settore.
Erano in migliaia a Parigi stamani.
Almeno 1500 trattori hanno raggiunto il cuore della capitale francese mentre altri 1700 erano in marcia.
Si stima che tra i 4000 e i 5000 manifestanti abbiano salutato l’apertura del governo che nel primo pomeriggio ha annunciato un nuovo piano d’urgenza.

Gerome Pagon:

“Chiediamo la riduzione dei costi dei vari passaggi intermedi, chiediamo ancora di ridurre le importazioni dall’estero che ci costano e che, cosa ancora peggiore, questi prodotti non sono sottoposti alle nostre normative”

Anche se lungo le arterie che portano a Parigi il traffico non ha subito particolari rallentamenti, qualcuno non è riuscito a arrivare al lavoro in tempo.

“Sto facendo la strada con loro, avevo una riunione di insegnanti, ma penso che la loro causa sia più importante”.

Xavier Beulin, presidente del maggiore sindacato degli agricoltori, accompagnato da Thomas Diemer, Giovani agricoltori, ha incontrato i rappresentanti del governo.
Che ha congelato per 12 mesii debiti degli agricoltori e ha annunciato un piano d’aiuti di 3 miliardi per i prossimi 3 anni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Proteste in Nuova Caledonia, arrivato Macron: la visita del presidente "senza limiti di tempo"

Proteste in Nuova Caledonia: il presidente francese Macron in partenza per una missione

Proteste in Nuova Caledonia: i motivi delle accuse della Francia all'Azerbaijan