Burundi: l'instabilità politica crea un enorme numero di profughi. Migliaia i minori che perdono le proprie famiglie

Burundi: l'instabilità politica crea un enorme numero di profughi. Migliaia i minori che perdono le proprie famiglie
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Con la morte, un paio di settimane fa, del generale Adolphe Nshimirimana, stretto collaboratore del presidente Pierre Nkurunziza, il Burundi è

PUBBLICITÀ

Con la morte, un paio di settimane fa, del generale Adolphe Nshimirimana, stretto collaboratore del presidente Pierre Nkurunziza, il Burundi è diventato, se possibile, ancora più instabile, causando un enorme flusso di profughi che vengono distribuiti nei vari campi, alcuni co-gestiti dalla Croce Rossa.

Le famiglie vengono divise come accaduto a Frederic Ngango: “La mia famiglia è arrivata in Ruanda per prima. Il mio figlio più grande però, è rimasto in Burundi perché era troppo malato. Io sono rimasto ad occuparmi di lui, ma dovevo anche raggiungere il resto della famiglia. Quindi l’ho mandato in un campo e poi mi sono messo in contatto con la Croce Rossa”.

La storia di Frederic è finita bene. Ha ritrovato suo figlio, che è stato curato ed ha potuto riunire la sua famiglia. Molti invece non sono così fortunati. È il destino di molti minori. Separati dalle proprie famiglie, si perdono in questa immensa marea umana. Una tragedia che spesso la buona volontà delle organizzazioni umanitarie non riesce ad evitare

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Unione Europea ricorda in Ruanda i 30 anni dal genocidio e della pulizia etnica dei Tutsi

Irlanda, migranti: richiedi asilo e finisci in tenda, "condizioni disumane" secondo l'opposizione

"Questa legge sul Ruanda è crudele e disumana"