EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Turchia, Erdogan: "Guerra fino all'ultimo militante curdo del PKK"

Turchia, Erdogan: "Guerra fino all'ultimo militante curdo del PKK"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

“Continueremo a combattenti i militanti curdi del PKKfinché non rimarrà un solo terrorista”: lo promette Erdogan mentre la Turchia piange i morti del

PUBBLICITÀ

“Continueremo a combattenti i militanti curdi del PKKfinché non rimarrà un solo terrorista”: lo promette Erdogan mentre la Turchia piange i morti del suo lunedì nero: 4 attacchi con 9 vittime. Le violenze sono esplose a partire dal 24 luglio quando Ankara ha iniziato una “guerra sincronizzata al terrorismo”, bombardando non solo le postazioni del Pkk nel nord dell’Iraq ma anche quelle dell’Isil in Siria.

“Le armi dovrebbero essere seppellite piuttosto che abbandonate. Ciò fino a quando le
organizzazioni terroristiche che le usano contro il nostro popolo non saranno più una minaccia per il nostro Paese”, ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan facendo riferimento al
conflitto in corso con il PKK.

A Istanbul lunedì è stata attaccata prima una stazione di polizia e poi il consolato americano. La sede diplomatica statunitense è stata colpita da due donne armate del “Partito Fronte rivoluzionario di liberazione del popolo (Dhkp-c)”. L’organizzazione turca, di estrema sinistra e illegale, ha rivendicato l’attacco contro gli Stati Uniti “considerati nemici dei popoli del Medio Oriente”.

La Turchia ha, intanto, nei giorni scorsi aperto la sua base aerea nel sud del Paese alla coalizione internazionale anti-Isil per colpire le postazioni jihadiste. I cacciabombardieri americani hanno compiuto i primi raid aereo sul Nord della Siria decollando da Incirlik, vicino al confine con la Siria.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mitsotakis e Erdogan ad Ankara: continuano i colloqui per normalizzare i rapporti tra i Paesi

"Turchi ingrati", così i sostenitori di Erdoğan dopo la sconfitta a Istanbul e Ankara

Turchia: elezioni amministrative al via, un morto e 12 feriti in Kurdistan