EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Usa-Cuba, proteste: "Questo è sangue cubano!"

Usa-Cuba, proteste: "Questo è sangue cubano!"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Manifestazioni di protesta si sono svolte lunedí davanti all’Ambasciata cubana a Washington, durante la cerimonia di riapertura e dopo cinque decenni

PUBBLICITÀ

Manifestazioni di protesta si sono svolte lunedí davanti all’Ambasciata cubana a Washington, durante la cerimonia di riapertura e dopo cinque decenni di gelo fra i due paesi.

Un manifestante ha cercato di lanciare del liquido rosso oltre le inferriate ed è stato fermato.

“L’amministrazione Obama ha fatto un accordo con la dittatura che uccide cubani ogni giorno – urla un manifestante imbrattato di vernice rossa -. Questo è sangue cubano!”

Nelle stesse ore il presidente cubano Raul Castro, in parlamento, ha fatto una serie di richieste agli Stati Uniti in vista della normalizzazione dei rapporti bilaterali, ribadendo che Washington deve porre fine all’embargo contro l’isola.

Rachel DeLevie-Orey, analista America Latina, Consiglio atlantico: “Cuba ha saputo creare ottime relazioni diplomatiche in giro per il mondo, ma nessuna alleanza economica, per questo è rimasta molto isolata. Sappiamo che l’economia di Cuba è in affanno. Presto, servirà l’aiuto della comunità finanziaria internazionale.”

Stefan Grobe, Washington, euronews:
“Ristabilire i rapporti diplomatici non cambierà i problemi economici di Cuba, né l’opinione degli Stati Uniti sul fatto che Cuba abbia un serio problema di democrazia. Ma dopo una situazione di stallo che risale alla presidenza di Eisenhower, questo giorno segna un nuovo inizio.”

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cuba-Usa, riaprono le ambasciate ma la "normalizzazione" si annuncia lunga

La cronologia del disgelo

Proteste università Usa: più di duemila arresti in tutto il Paese, sgomberato accampamento Ucla