EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Londra, Tube paralizzata da uno sciopero

Londra, Tube paralizzata da uno sciopero
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

E’ stato un giovedì difficile, per i londinesi abituati eprendere la metropolitana: stazioni chiuse e treni fermi a causa di uno sciopero in seguito

PUBBLICITÀ

E’ stato un giovedì difficile, per i londinesi abituati eprendere la metropolitana: stazioni chiuse e treni fermi a causa di uno sciopero in seguito al mancato accordo con la società di gestione su adeguamenti salariali e compensazioni richiesti in vista della graduale apertura notturna di diverse linee prevista per settembre.

“A Londra vivono otto milioni e mezzo di persone – dice una giovane residente -. E’ irresponsabile fare uno sciopero senza considerare l’impatto sull’intera popolazione”.

“Non ne ho sofferto molto – dice un altro -, a parte gli autobus sovraffollati. Sono d’accordo con lo sciopero, non si tratta di rivendicazioni salariali, a questi lavoratori è stato detto che dovranno lavorare fino alle 2 di notte. Credo che la metropolitana doveva essere automatizzata già da diversi anni”.

Conseguenza della paralisi della Tube sono stati gli autobus presi d’assalto, con lunghe file alle fermate. Anche il traffico automobilistico ne ha ovviamente risentito.

“E’ stata la rottura delle trattative tra i quattro sindacati e la società di gestione – dice il corrispondente di euronews a Londra, Ali Kheradpir – a portare a questo sciopero che ha sconvolto le abitudini di trasporto dei londinesi. Le conseguenze hanno pesato su tutti gli utenti”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni Regno Unito: il ritorno di Nigel Farage, i conservatori perdono voti

Regno Unito, annuncio a sorpresa di Sunak: elezioni anticipate il 4 luglio

Il tribunale di Londra ha deciso: Assange può appellarsi contro l'estradizione negli Stati Uniti