Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Il Congresso Usa sorveglia il negoziato sul nucleare iraniano

Il Congresso Usa sorveglia il negoziato sul nucleare iraniano
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Un accordo sul nucleare iraniano potrebbe armare i falchi repubblicani, pronti a affilare le unghie contro Obama.
Una legge adottata nel maggio scorso dà al Congresso americano il diritto di sorvegliare un’ eventuale intesa raggiunta dai negoziatori e bloccarla nel caso in cui sia giudicato un cattivo accordo.

Obama potrebbe in ultima istanza usare le proprie prerogative presidenziali, il potere di veto, che gli consente per i trattati internazionali di fare a meno del Congresso.

Ma solo in ultima istanza.

Lindsay Graham, senatore repubblicano:

“Mi piacerebbe mettere la parola fine sul nucleare iraniano senza sparare un colpo. Ma bisogna conoscere l’interlocutore e che cosa questi vuole. Immagino gli iraniani vogliano il nucleare per assicurare la sopravvivenza del regime.
Insisteranno fino all’inverosimile e l’idea che l’Onu sia una sorta di forza d’interposizione tra noi e loro non mi rassicura. È una nuova Corea del Nord. ”

Il presidente americano non rinuncia alle proprie prerogative, ma non userà il potere di veto, come spiega questo analista:

John-Christopher Bua, università Georgetown:

“Il veto è l’estrema ratio cui può ricorrere Obama, non credo che si spingerà fino a tanto. Ha bisogno di 34 democratici per garantire la maggioranza e per l’accordo che vuole raggiungere. Non penso che userà il suo potere di veto”.

L’attenzione del Congresso, e non solo, è rivolta tutta al dossier iraniano.

Stefan Grobe, euronews:

“Sembra che al Congresso passerà l’ accordo sull’Iran. Se il presidente Obama dovesse porre il suo veto, lo scenario politico americano si surriscalderebbe e in vista delle elezioni del 2016 anche l’Iran diventerebbe terreno di scontro elettorale”.