EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Canada, condanna record per produttori tabacco

Canada, condanna record per produttori tabacco
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

15,5 miliardi di dollari canadesi, l’equivalente di 11,3 miliardi di euro. È la cifra record che 3 grandi produttori di sigarette dovranno versare a

PUBBLICITÀ

15,5 miliardi di dollari canadesi, l’equivalente di 11,3 miliardi di euro. È la cifra record che 3 grandi produttori di sigarette dovranno versare a decine di migliaia di vittime del tabagismo in Canada.

Il verdetto emesso dalla Corte Superiore del Québec viene contestato dai giganti del tabacco. Per le parti civili si tratta di un risultato storico.

Mario Bujold, Consiglio del Québec su Tabacco e Salute Pubblica: “Ovviamente è stato un percorso molto lungo, passato attraverso numerose procedure ma alla fine siamo arrivati a destinazione e si tratta di una grande vittoria per le vittime contro le compagnie del tabacco” ha detto in conferenza stampa.

Le origini del processo risalgono al 1998, quando più di 1 milione di cittadini del Québec avviarono una causa collettiva. Il Processo si è aperto soltanto nel 2012.

Lise Blais, moglie di una delle vittime che hanno preso parte alla causa civile: “Avete mai riflettuto su cosa sia una sigaretta? È qualcosa che ti distrugge, che distrugge completamente la salute” ha detto.

Gli avvocati delle parti civili hanno basato la propria accusa sul fatto che i produttori di sigarette hanno veicolato per decenni false informazioni, evitando tra l’altro volontariamente di utilizzare i componenti del tabacco a più basso tenore di nicotina per sviluppare la dipendenza dei fumatori.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Contro la crisi climatica ecco l'alleanza verde tra Canada e Unione europea

Esplosione di un'auto sul ponte delle Cascate del Niagara, FBI: "Non è terrorismo"

Risolto lo "scandalo nazista" in Canada: dimissioni per il presidente del Parlamento Anthony Rota