Turchia, mistero sulla presunta spia che avrebbe aiutato 3 ragazze britanniche a unirsi all'Isil

Turchia, mistero sulla presunta spia che avrebbe aiutato 3 ragazze britanniche a unirsi all'Isil
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

E’ di nazionalità siriana ma lavorerebbe per i servizi segreti di un Paese membro della coalizione anti-Isil l’uomo arrestato in Turchia per aver

PUBBLICITÀ

E’ di nazionalità siriana ma lavorerebbe per i servizi segreti di un Paese membro della coalizione anti-Isil l’uomo arrestato in Turchia per aver aiutato tre ragazze britanniche a unirsi ai jihadisti in Siria.

La polizia lo ha individuato grazie a un video, in cui l’uomo riprende sé stesso e le tre adolescenti, mentre le fa salire su un furgone nella città sudorientale di Gaziantep. Nessuna ipotesi è stata formulata sul motivo per cui avrebbe ripreso la scena.

Per la Turchia, criticata duramente dal Regno Unito in merito a questa vicenda, è l’occasione per ribattere. “L’uomo che ha aiutato le tre minorenni britanniche a varcare la frontiera turca per entrare in Siria è al servizio dell’intelligence di un Paese della coalizione – ha detto il ministro degli Esteri di Ankara, Mevlut Cavusoglu – è un cittadino siriano ma lavora per i servizi di un Paese che appartiene alla coalizione anti-Isil”.

Resta aperta la domanda su quale sia il Paese in questione, dal momento che il ministro ha escluso che si tratti degli Stati Uniti o di un membro dell’Unione europea. Alcune testate turche, citando le presunte dichiarazioni dell’arrestato, hanno suggerito che si tratti del Canada. Il governo di Ottawa ha replicato con un “no comment”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turchia, attacco terroristico al tribunale di Istanbul: tre morti e sei feriti

Terremoto in Turchia, 700mila ancora senza casa

Turchia: due militanti pro-Gaza prendono ostaggi in una fabbrica del gruppo Procter & Gamble