Debaltseve, in 2.800 in salvo grazie al corridoio umanitario

Debaltseve, in 2.800 in salvo grazie al corridoio umanitario
Diritti d'autore 
Di Alfredo Ranavolo
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Lo snodo ferroviario, teatro dei più aspri combattimenti degli ultimi giorni, ha ormai visto la sua popolazione ridursi dell'80 per cento.

PUBBLICITÀ

Debaltseve è ormai quasi una città fantasma, dopo l’ultima evacuazione compiuta venerdì a bordo di 20 auto, la popolazione che ha deciso di restare sul fronte più caldo della battaglia nell’est dell’Ucraina è sparuta.

Il corridoio umanitario è stato richiuso alle 15 ora locale (le 16 in Italia) alle spalle di questo piccolo esodo verso le località più a nord, sotto il controllo delle autorità di Kiev. La tregua, che doveva originariamente scadere allae 18 ora locale, è prolungata fino a sabato, ma ogni tanto è interrotta da colpi di artiglieria.

“Abbiamo grandi speranze che l’incontro di questi leader mondiali porti a sviluppi positivi. Non è normale che ci debba essere una guerra sul territorio di uno Stato che per sua natura ama la pace”. Questo l’auspicio del generale ucraino Oleksandr Rozmaznin, per l’esito dell’incontro a Mosca tra Vladimir Putin da una parte e Angela Merkel e François Hollande dall’altra.

Sono oltre 2.800 le persone che hanno lasciato venerdì Debaltseve e altre piccole città limitrofe. Tra queste 700 bambini. Erano 25.000 gli abitanti dell’importante snodo ferroviario, prima che vi giungessero i combattimenti. Circa l’80% ha lasciato le proprie case.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, attacco russo a Dnipro: 8 morti, primo sì da Camera Usa per aiuti a Kiev, Israele e Taiwan

Guerra in Ucraina: precipita un bombardiere russo, per Mosca è guasto tecnico ma Kiev rivendica

Ucraina, capo della Cia: "Subito aiuti a Kiev, potrebbe perdere la guerra entro la fine dell'anno"