Nel Donbass separatista nessuna tregua. Allo stadio di Donetsk si smistano gli aiuti umanitari.

Nel Donbass separatista nessuna tregua. Allo stadio di Donetsk si smistano gli aiuti umanitari.
Diritti d'autore 
Di Stefano Cutillo
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Attorno ai principali centri della regione separatista del Donbass, i combattimenti continuano intensi e nelle ultime ore sono state bombardate anche

PUBBLICITÀ

Attorno ai principali centri della regione separatista del Donbass, i combattimenti continuano intensi e nelle ultime ore sono state bombardate anche zone della città di Donetsk sinora considerate relativamente sicure.

I ribelli, dal canto loro, bombardano intensamente la vicina cittadina di Debaltseve, strategico nodo ferroviario tutt’ora sotto il controllo delle forze governative ucraine.

Il bollettino delle vittime aumenta di ora in ora da una parte come dall’altra, mentre si cerca di alleviare le difficoltà dei civili.

A Donetsk, la Donbass Arena, considerata lo stadio migliore dei campionati Europei di calcio del 2012, viene utilizzato come centro logistico per l’intera regione e come luogo di raccolta e smistamento per gli aiuti umanitari forniti dalla fondazione del miliardario ucraino Rinat Akhmetov.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Kerry a Kiev: "la Russia deve impegnarsi su un cessate il fuoco immediato":

Ucraina, attacco russo a Dnipro: 8 morti, primo sì da Camera Usa per aiuti a Kiev, Israele e Taiwan

Guerra in Ucraina: precipita un bombardiere russo, per Mosca è guasto tecnico ma Kiev rivendica