EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Svolta Usa-Cuba, il venezuelano Maduro: "Da Obama gesto coraggioso"

Svolta Usa-Cuba, il venezuelano Maduro: "Da Obama gesto coraggioso"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

La svolta nei rapporti tra Washington e la Havana divide la comunità di esuli cubani a Miami, dove sono attivi diversi gruppi anti-castristi. Ma i

PUBBLICITÀ

La svolta nei rapporti tra Washington e la Havana divide la comunità di esuli cubani a Miami, dove sono attivi diversi gruppi anti-castristi. Ma i governi dell’America Latina plaudono a un passo che era stato lungamente atteso.

Alla chiusura del vertice Mercosur, in Argentina, la presidente Cristina Fernandez ha riconosciuto il ruolo centrale di mediazione svolto da Papa Francesco, di cui ricorreva proprio ieri il compleanno. “A celebrare questo risultato – ha detto – non sono soltanto gli argentini, o i sudamericani o i latino-americani. Questa notizia deve essere celebrata in tutto il mondo”.

“Questo è un momento che segna un salto di civiltà – ha commentato la presidente del Brasile, Dilma Rousseff – perché dimostra che è possibile ristabilire relazioni che erano state interrotte moltissimi anni fa”.

Soddisfatto anche il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, tradizionalmente tutt’altro che tenero con l’amministrazione statunitense. “Siamo molto contenti – ha detto – e dobbiamo riconoscere questo gesto da parte di Barack Obama: un gesto di coraggio e di necessità storica, che sarà forse il più significativo della sua presidenza”.

Alla gioia esplosa nelle vie della Havana si contrappone invece la valutazione della blogger cubana Yoani Sanchez, che in un lungo articolo scrive: “Il castrismo ha vinto”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Brasile, Bolsonaro accusato di aver falsificato le certificazioni Covid

San Paolo, bagno di folla per Jair Bolsonaro: l'ex presidente respinge le accuse di golpe

Milei in Vaticano: abbraccio con il Papa, lo aveva chiamato 'imbecille'