EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Nuovi metodi per insegnare ai bambini autistici

Nuovi metodi per insegnare ai bambini autistici
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Per i genitori di bambini autistici aiutare i propri figli puo’ essere un compito insormontabile. In questa puntata di Learning World vi facciamo conoscere alcuni progetti realizzati in Cina e Canada e parliamo con l’esperto Theo Peeters.

- Cina: combattere i pregiudizi

In Cina, quattro milioni di bambini soffrono del disturbo dello spettro autistico, ma molti non vengono aiutati perché la loro condizione non è ancora accettata. Un’organizzazione cerca di far conoscere meglio ai genitori dei bambini autistici i comportamenti dei loro figli. “Stars and rain” è il primo istituto cinese per bambini autistici. L’autismo in cinese viene tradotto come malattia della solitudine” ed è stato riconosciuto in quanto tale solo nel 2006.

Il programma di preparazione dei genitori dura undici settimane e altrettanti sono i temi. Per i bambini tra i 3 e i 6 anni viene usata la tecnica di analisi comportamentale applicata. Finora la scuola ha accolto oltre seimila bambini autistici e le loro famiglie. La lista di attesa di genitori provienienti da tutto il Paese è lunga.

usa.chinadaily.com.cn

guduzh.org

- Theo Peeters: capire la cultura dell’autismo

Capire l’autismo non è semplice. E’ una malattia? Un disturbo? O semplicemente, una differenza? Theo Peeters è un neurolinguista che sottolinea l’importanza di comprendere la “cultura dell’autismo” e sviluppare il massimo grado di empatia nei confronti delle persone autistiche. Lo abbiamo incontrato a Digione, in Francia.

“L’autismo è una condizione: queste persone hanno difficoltà di comunicazione in particolare per quanto riguarda gli aspetti sociali”, dice Peeters.“Alcuni approcci cercano di sbarazzarsi del comportamento senza cercare di capire che l’autismo è all’interno e questo vuol dire che si tratta di un modo diverso di pensare”.

“Non credo che bisogna liberarsi dell’autismo, io credo che occorra apprezzare l’autismo e le differenze che presenta”, continua Peeters. “Ci sono tante persone autistiche quindi se attraverso l’istruzione seguissimo le loro motivazioni, invece di obbligarle a imparare cose che a loro non interessano, arricchiremmo la nostra società”.

theopeeters.be

- Canada: un tablet in classe

La tecnologia puo’ fornire strumenti utili per coinvolgere i bambini autistici. In Canada ad esempio, la Beverley School di Toronto, utilizza i tablet. Questo aiuta i genitori a capire meglio le reazioni dei figli e i bambini a interagire fra di loro.

Uno studio recente realizzato alla Beverley School, ha messo in evidenza miglioramenti significativi grazie all’uso di tablet in classe. Gli studenti si concentrano più a lungo, identificano gli oggetti e interagiscono con essi.

theautismnews.com

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nestlé, distrutti due milioni di bottiglie d'acqua della filiale Perrier: scoperti batteri "fecali"

Epidemia di cimici dei letti a Parigi: il governo prepara misure per debellare l'infestazione

Dalla Cina al Niger, ecco i migliori No Comment della settimana