Video

euronews_icons_loading
la tomba scavata per Rayan, dopo che il suo corpo è stato recuperato da un pozzo nel villaggio di Ighran, nella provincia marocchina di Chefchaouen, lunedì 7 febbraio 2022

Il Marocco dice addio al piccolo Rayan, in migliaia al funerale

Il Marocco dice addio al piccolo Rayan, il bimbo caduto in un pozzo martedì scorso e il cui corpicino senza vita è stato estratto sabato sera, dopo una maratona di soccorsi.

In migliaia hanno partecipato alle esequie che si sono svolte dopo la preghiera musulmana di mezzogiorno in un vecchio cimitero a pochi chilometri dal villaggio di Ighrane, dove è avvenuto l'incidente.

Mosa'ab Elshamy/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
una preghiera durante il funerale di Rayan, 5 anni, dopo che il suo corpo è stato recuperato da un pozzo profondo, nel villaggio di Ighran, nella provincia marocchina di ChefcMosa'ab Elshamy/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.

Le strade sono state transennate per l'incredibile affluenza. La commozione è stata fortissima tanto che anche i cronisti sono scoppiati a piangere durante le dirette.

Il caso del piccolo, che ha drammaticamente ripercorso la storia di Alfredino Rampi, ha creato un'ondata di commozione in tutto il mondo e il Marocco ha seguito con il fiato sospeso le lunghe dirette video che trasmettevano il lavoro dei soccorritori, durante le oltre centro ore passate da Rayan in fondo al pozzo. 

Mosa'ab Elshamy/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
la tomba scavata per Rayan viene ricoperta nel villaggio di Ighran, nella provincia marocchina di Chefchaouen, lunedì 7 febbraio 2022Mosa'ab Elshamy/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.

Dopo aver recuperato il suo corpicino, l'ambulanza lo ha portato all'ospedale militare di Rabat, ma nulla è trapelato sul risultato dell'autopsia, che con ogni probabilità è stata eseguita. Parallelamente ai preparativi per le esequie, le autorità hanno cominciato fin da domenica i lavori di riempimento del pozzo nel quale il piccolo è accidentalmente caduto, e anche dell'enorme cratere scavato da volontari e soccorritori nel tentativo di salvarlo.