EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

È sicuro viaggiare in Francia? Vietati fuochi d'artificio il 14 luglio

Agenti di polizia di pattuglia davanti all'Arco di Trionfo sugli Champs Elysees a Parigi, 1 luglio 2023.
Agenti di polizia di pattuglia davanti all'Arco di Trionfo sugli Champs Elysees a Parigi, 1 luglio 2023. Diritti d'autore AP Photo/Christophe Ena
Diritti d'autore AP Photo/Christophe Ena
Di Euronews Travel
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Nelle ultime settimane le città francesi sono state scosse da violente proteste. Ecco cosa c'è da sapere sulle tensioni in corso

PUBBLICITÀ

I disordini degli ultimi tempi in Francia preoccupano chi ha deciso di trascorrere le vacanze a Parigi o a Marsiglia. 

Dopo l'uccisione del diciassettenne Nahel Merzouk durante un controllo della polizia il 27 giugno, Parigi e altre grandi città sono state teatro di violente proteste notturne.

Sei giorni di disordini sono culminati con l'arresto di 850 persone nel fine settimana dell'1-2 luglio. Da allora, i disordini più gravi sembrano essersi attenuati.

Ma la polizia è particolarmente preoccupata che le tensioni possano riesplodere durante la Festa della Bastiglia, il 14 luglio.

Domenica il governo francese ha vietato la vendita, il possesso e l'uso di fuochi d'artificio in vista delle celebrazioni della festa nazionale. I fuochi d'artificio sono stati utilizzati in violenti scontri con la polizia all'inizio del mese. Il divieto sarà applicato fino al 15 luglio.

La morte di Nahel ha fatto esplodere la rabbia che da tempo serpeggia nei confronti delle attività di polizia. L'anno scorso sono state uccise 13 persone durante gli arresti della polizia, la maggior parte delle quali neri o di origine araba.

A Parigi, Marsiglia, Lione, Grenoble, Lille e Tolosa, le recenti manifestazioni sono sfociate nella violenza. Ci sono stati pesanti scontri con la polizia, auto incendiate e negozi saccheggiati.

Ma dall'inizio del mese non si sono più verificati incidenti.

Ci sono ancora disordini in Francia?

CHRISTOPHE SIMON / AFP
Protesters clash with riot police at the Porte d'Aix in Marseille on 30 June.CHRISTOPHE SIMON / AFP

Circa 17 milioni di cittadini britannici visitano la Francia ogni anno.

Il consiglio del governo britannico per i vacanzieri, a partire dal 10 luglio, riporta: "Sebbene la situazione ora sia calma, è necessario monitorare i media, verificare gli aggiornamenti con gli operatori turistici e seguire i consigli delle autorità".

Alla fine del mese scorso, quando i disordini erano ancora in corso, l'agenzia aveva avvertito che i luoghi e i tempi potevano essere imprevedibili e aveva consigliato ai viaggiatori di evitare le zone in cui si stavano verificando.

Se in Francia si verificassero ulteriori disordini, potrebbero esserci interruzioni della circolazione stradale e riduzione del trasporti pubblico. Le autorità locali potrebbero anche imporre il coprifuoco.

Durante i disordini, in alcune città gli autobus e i tram si sono fermati alle 21 o alle 22 per evitare che i mezzi venissero presi di mira dai manifestanti. I treni hanno continuato a circolare normalmente, così come la metropolitana di Parigi.

Il ministero degli Esteri tedesco invita i turisti a tenersi informati e a evitare le zone in cui potrebbero verificarsi disordini violenti. Raccomanda di utilizzare l'applicazione Viaggi Sicuri per rimanere aggiornati sugli ultimi sviluppi.

Cancellare le vacanze in Francia: sì o no?

Se vi state preparando a viaggiare in Francia, non c'è bisogno di cambiare destinazione anche se, a seconda della situazione, dovrete essere flessibili nelle prenotazioni dei ristoranti e nei programmi serali.

La bellezza di trovarsi in una grande città significa che ci sono sempre diverse opzioni, mentre le piccole città turistiche lungo la Costa Azzurra sono rimaste in gran parte inalterate.

Non sono stati segnalati casi di aggressioni di cittadini o turisti da parte dei rivoltosi, che hanno indirizzato la loro rabbia piuttosto contro edifici, auto parcheggiate e polizia.

Poiché gli uffici stranieri, come quelli del Regno Unito e della Germania, non hanno sconsigliato di recarsi in Francia, è improbabile che i fornitori di servizi turistici forniscano un rimborso se si decide di non partire.

PUBBLICITÀ

"È più che mai importante stipulare un'assicurazione di viaggio e verificare che offra una copertura sufficiente", aggiunge l'Fcdo.

Certo, le ferrovie e le compagnie aeree potrebbero subire ripercussioni, se le proteste dovessero scoppiare di nuovo. Durante l'apice dei disordini alla fine del mese scorso, Eurostar ha avvertito che il trasporto nazionale sarebbe stato "estremamente limitato tra le 21 e le 5 del mattino", permettendo ai passeggeri che avessero voluto posticipare il viaggio, di cambiare il biglietto.

Un portavoce di easyJet ha dichiarato all'Independent che i clienti che dovevano volare avrebbero potuto "passare a un volo alternativo e noi rinunceremo alla tassa di cambio".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Macron: "Considero la possibilità di sospendere i social media"

"È colpa di Nahel" dice l'ideatore della raccolta fondi per il poliziotto che gli ha sparato

Turbolenza volo Londra-Singapore, un morto e decine di feriti: Boeing colpito da fenomeno noto come Cat