EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Con il "camouflage chimico" le zanzare non riconoscono l'odore della pelle e neppure si avvicinano

Image shows a mosquito. Israeli scientists have developed a new 'chemical camouflage' repellent to keep mosquitoes at bay.
Image shows a mosquito. Israeli scientists have developed a new 'chemical camouflage' repellent to keep mosquitoes at bay. Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di Euronews and AP - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Mentre gli anti-zanzare tradizionali agiscono sulla pelle, il nuovo repellente dei ricercatori dell'Università Ebraica di Gerusalemme agisce ancor prima, impedendo alla zanzara di avvicinarsi ad un individuo. La formula è composta da due componenti naturali: l'indolo e la cellulosa

PUBBLICITÀ

L'estate è arrivata, dalle nostre parti, il cosiddetto Emisfero settentrionale.

Ma, insieme al sole, alle serate più lunghe e alle temperature più miti, la stagione porta con sé anche un'inevitabile ondata di zanzare e il fastidio delle loro punture.

Peggio ancora sono le varietà delle zanzare portatrici di malaria, i cui morsi causano centinaia di migliaia di morti ogni anno in tutto il mondo.

Per combatterle, gli scienziati dell'Università Ebraica di Gerusalemme (Israele), hanno sviluppato un nuovo tipo di repellente per insetti - un "camuffamento chimico" - che, secondo loro, impedirà al 99% delle zanzare di posarsi sulla pelle dove viene applicato.

"In primo luogo, è una protezione meccanica contro le zanzare che pungono la pelle. In secondo luogo, questo polimero di cellulosa agisce come un camuffamento chimico", ha spiegato il dottor Jonathan Bohbot, ricercatore capo della Facoltà di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente dell'Università Ebraica.

“Questo camouflage nasconde l'odore della pelle di ciascuno di noi, che di solito attira le zanzare e porta più ancora più zanzare, e poi rilascia anche il nostro repellente, molto lentamente. Quindi, estende la sua durata di protezione", ha aggiunto Bohbot.

Secondo il ricercatore, i tradizionali repellenti topici, vale a dire quelli applicati direttamente sulla pelle, agiscono impedendo alle zanzare di pungere l'individuo, ma quando ormai sono arrivati sulla pelle stessa.

Il nuovo repellente del team di ricercatori israeliani, viceversa, agisce ancor prima,  impedendo alla zanzara di avvicinarsi a un individuo, standogli a debita distanza.

La formula è una combinazione di due componenti naturali: l'indolo, una sostanza profumata che si trova nei fiori, e un polimero: la cellulosa.

I risultati del team, pubblicati in uno studio sulla rivista PNAS Nexus ad aprile, hanno riportato una diminuzione dell'80% dell'alimentazione delle zanzare sulla pelle umana, quando è stato applicato un sottile strato di nanocristalli di cellulosa.

È stato riscontrato che l'effetto combinato dei nanocristalli di cellulosa con l'indolo riduce del 99,4% l'esposizione post-deposizione delle uova.

"La combinazione di questo polimero e del nostro repellente è il perfetto sistema di protezione personale, il migliore che si possa immaginare, effetto a lungo raggio e lunga durata", ha affermato Bohbot.

Il suo team spera di portare il nuovo repellente anti-zanzare sul mercato già il prossimo anno.

Video editor • Aisling Ní Chúláin

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le zanzare tigre si diffondono in Europa: come possiamo difenderci?

Scoperto un microbo che impedisce alle zanzare di trasmettere il parassita della malaria

Brasile: le zanzare geneticamente modificate