This content is not available in your region

InvestEU: così Bruxelles finanzierà la transizione verde e ridurrà la dipendenza dall'energia russa

Di Naomi Lloyd
euronews_icons_loading
InvestEU: così Bruxelles finanzierà la transizione verde e ridurrà la dipendenza dall'energia russa
Diritti d'autore  euronews

L'Europa deve ridurre la sua dipendenza dai combustibili fossili russi e affrontare il cambiamento climatico. La Commissione europea ha elaborato un piano d'azione, REPower EU, per porre fine a questa dipendenza entro il 2027 e incrementare l'uso delle rinnovabili. Costerà 210 miliardi di euro e saranno necessari investimenti massicci. È qui che interviene InvestEU, il programma di investimento più importante dell'Unione europea.

Il programma, in collaborazione con la Banca europea per gli Investimenti, ha una garanzia di 26 miliardi di euro da parte di Bruxelles e dovrebbe portare più di 370 miliardi di euro di finanziamenti pubblici e privati. Gli investimenti si concentrano su quattro aree: investimenti sostenibili, innovazione, inclusione sociale e creazione di posti di lavoro. Almeno il 30% deve contribuire a all'obiettivo della neutralità carbonica.

Fotovoltaico: raddoppiare la capacità entro il 2025

Il piano REPowerEU prevede di raddoppiare la capacità per la produzione di energia solare entro il 2025. In Spagna, tra Valladolid e Salamanca, ci sono pannelli solari a perdita d'occhio: InvestEU sta aiutando a finanziare un progetto di 7 siti, costruiti a partire dal 2020.

"La Spagna è un luogo ideale per costruire questi pannelli solari perché siamo uno dei Paesi con più ore di sole all'anno - dice la responsabile della comunicazione di Solaria, azienda attiva nello sviluppo e nella generazione di energia solare fotovoltaica nell'Europa meridionale -. Questi sette impianti fotovoltaici hanno una capacità di 261 megawatt, il che significa che producono 477 gigawatt/ora di energia all'anno".

Abbastanza per fornire elettricità a più di 120.000 famiglie. Per finanziare il progetto sono stati coinvolti finanziatori pubblici e privati. La Banca europea per gli investimenti ha svolto un ruolo cruciale nel suo finanziamento. Su un totale di 189 milioni di euro, ha apportato 54 milioni come prestito o meccanismo di garanzia, e ha svolto il ruolo di intermediario per altri 14 milioni. Più di un terzo del costo totale è già stato coperto. Abbastanza per rassicurare gli investitori privati, che hanno finanziato gli 89 milioni rimanenti.

Mettere fine alla dipendenza dai combustibili fossili russi

L'obiettivo originario di InvestEU era quello di finanziare una ripresa economica che fosse al tempo stesso verde e digitale. Ma con la guerra in Ucraina il programma può contribuire anche agli sforzi europei per porre fine alla dipendenza dal gas e dal petrolio russo.

"Vogliamo continuare a sviluppare progetti. Stiamo lavorando anche con la Banca per gli investimenti ad un pacchetto di progetti più ampio - dice Dario Lopez Clemente, direttore generale di Solaria -. Credo che la crisi in Ucraina abbia reso evidenti le reali necessità dell'Europa. Siamo dipendenti da altre fonti di energia, che non abbiamo in Europa. L'unica soluzione l'energia rinnovabile. È un progetto che non può essere realizzato in quattro o cinque anni - sarebbe troppo tardi - ma in uno, due anni al massimo".

A maggio la Commissione europea ha lanciato il piano REPowerEU, che si occuperà anche degli ostacoli non finanziari come i permessi e le autorizzazioni amministrative. Ne abbiamo parlato con il commissario europeo per l'energia Kadri Simpson. 

**È realistico pensare di poter porre fine alla dipendenza dai combustibili fossili russi entro il 2027?
**
Facciamo del nostro meglio per liberarci di questa dipendenza ancora più velocemente, il più velocemente possibile. REPowerEU è il piano per sostituire le importazioni russe con delle alternative. Abbiamo contattato diversi partner commerciali affidabili. Ma non è sufficiente. Non vogliamo sostituire al 100% i combustibili fossili con altri combustibili fossili. Ciò significa che, dove possibile, sostituiremo il gas naturale con le energie rinnovabili. Daremo priorità all'elettrificazione nel settore edilizio, ma anche nei trasporti. Oltre a questo, daremo priorità ai risparmi.

Lei parla di porre fine alla dipendenza dai combustibili fossili russi, ma state cercando di importare petrolio e gas da altri Paesi. Questo non creerà nuove dipendenze?

Abbiamo in programma di sostituire solo un terzo delle importazioni russe con altri combustibili fossili. Quindi sì, diversificheremo le nostre rotte di approvvigionamento. Ma parallelamente stiamo anche accelerando la transizione verde. Sostituiremo i combustibili fossili con le energie rinnovabili, ovunque sia possibile farlo.

Può illustrarci i piani per accelerare la produzione di rinnovabili nell'ambito di REPowerEU?

Ci sono modi per promuovere le energie rinnovabili rapidamente, ad esempio sui tetti. Secondo la nostra proposta tutti i nuovi edifici dovrebbero essere dotati di pannelli sul tetto. Il principale ostacolo è rappresentato dalle autorizzazioni. Al momento possono volerci anche sette anni per ottenere l'autorizzazione per un parco eolico offshore. Ma la Commissione europea ha presentato una proposta per queste opere di prevalente interesse pubblico, in modo da accorciare il periodo di autorizzazione.

Avete calcolato che porre fine alla dipendenza dai combustibili fossili russi costerà 210 miliardi di euro. L'Europa può permetterselo?

Teniamo presente che negli anni passati abbiamo pagato ogni anno circa 100 miliardi di euro alla Russia per le importazioni di petrolio, gas e carbone. È quindi sensato sostituire questa dipendenza. Sappiamo che gli Stati membri hanno ancora fondi di recupero inutilizzati, ci sono prestiti per un valore di 225 miliardi che gli Stati membri possono utilizzare per progetti verdi. Il finanziamento è fondamentale. InvestEU è uno strumento molto utile a nostra disposizione, perché nel periodo dal 2020 al 2027 saremo in grado di mobilitare circa 372 miliardi di euro.