This content is not available in your region

Dall'agroindustria alla cultura: il potenziale inespresso della Repubblica Democratica del Congo

Di Euronews
euronews_icons_loading
Dall'agroindustria alla cultura: il potenziale inespresso della Repubblica Democratica del Congo
Diritti d'autore  euronews

Dubai ha ospitato il Business Forum degli Emirati Arabi Uniti e della Repubblica Democratica del Congo, dove  diversi ministri congolesi hanno evidenziato i benefici economici derivanti dall'espansione delle loro opportunità commerciali. 

"La Repubblica Democratica del Congo, come si dice spesso, è una terra di opportunità - ha detto Jean-Lucien Bussa Tongba, ministro del commercio estero -. Qui si può investire nell'agricoltura, nella pesca, nell'allevamento, nell'industria, nelle infrastrutture stradali, portuali e aeroportuali e nelle miniere. Il paese ha un potenziale immenso, ma non è stato ancora trasformato, non è stato sufficientemente esplorato e sfruttato. Ecco perché quello degli Emirati è un modello utile: sta ispirando la Repubblica Democratica del Congo".

Il presidente congolese Felix Tshisekedi ha partecipato alla cerimonia in onore della festa nazionale del paese che si è tenuta all'Expo. "Abbiamo voluto portare la Repubblica Democratica del Congo e le sue risorse a Dubai - ha detto Tshisekedi - perché sappiamo che è un hub per gli incontri che ci permette di far conoscere il paese a livello internazionale e di mettere in evidenza le nostre idee e le nostre soluzioni per le sfide che il mondo sta affrontando".

La Repubblica Democratica del Congo è il secondo paese più grande dell'Africa, con una popolazione di più di 80 milioni di abitanti. Il paese è noto soprattutto per la sua industria mineraria, ma al Forum si è parlato anche di agricoltura e le infrastrutture digitali. La Repubblica Democratica importa la maggior parte dei suoi prodotti di base, e sebbene abbia 80 milioni di ettari di terra, ne sfrutta solo il 10%.

"Il paese sta diversificando i suoi investimenti. Abbiamo le miniere, naturalmente, ma la cosa più importante è l'agroindustria - ha detto Anthony Nkinzo, direttore generale dell'Agenzia nazionale per la promozione degli investimenti -. Abbiamo l'energia, abbiamo già alcune infrastrutture e altre in via di realizzazione: parlo delle nuove tecnologie dell'informazione, del digitale. Poi abbiamo il turismo e naturalmente l'istruzione e la sanità. Questi settori permetteranno al paese di svilupparsi e crescere".

Il paese ha fatto passi avanti anche nel commercio e nell'industria. Senza dimenticare il suo patrimonio culturale: la Repubblica Democratica del Congo è il paese d'origine della Rumba e di musicisti come il rapper GIMS, che si è esibito in un concerto speciale per celebrare la giornata nazionale del paese. "È stato molto bello per lui mostrare al mondo che i musicisti congolesi possono far ballare gli arabi e gli occidentali", ha detto Patrick Muyaya, ministro della comunicazione e dei media.