This content is not available in your region

Tenere a galla una pmi nonostante il Covid grazie all'Ue

Access to the comments Commenti
Di Paul Hackett
euronews_icons_loading
Tenere a galla una pmi nonostante il Covid grazie all'Ue
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

L'impatto della pandemia sull'economia è ancora difficile da quantificare con precisione, ma poche imprese ne sono uscite illese. Siamo andati in Finlandia per vedere come un'azienda stia prosperando dopo aver ricevuto dall'Ue l'aiuto necessario per superare la tempesta del Covid.

"Stava succedendo di tutto, e in più dovevo pagare"

GardenLiving è un'azienda che si occupa di orticoltura con sede vicino a Helsinki, specializzata in piante e prodotti da giardino, e offre una serie di servizi su misura, fra cui la progettazione del paesaggio.

Quest'anno gli affari sono in fiore. Ma dodici mesi fa, quando sono entrati in vigore i lockdown, la situazione non era così rosea. Anzi, ricorda la fondatrice, Eva Wuite, "È stato un periodo molto brutto. A marzo tutte le ordinazioni dei ristoranti sono state cancellate e allo stesso momento dovevo pagare tutte le fatture per l'inizio della stagione del giardinaggio. Stava succedendo di tutto, e in più dovevo pagare".

Un prestito garantito dall'Ue per risollevarsi

Come centinaia di migliaia di piccole imprese in tutta Europa, Eva ha attraversato una crisi di liquidità. Per fortuna è riuscita a rimettersi in piedi e a pagare le fatture con un prestito garantito dall'Unione europea tramite la sua banca. Ottenere il prestito, assicura, "È stato facile. Ho chiamato la mia banca e in due giorni l'abbiamo avuto. Le condizioni erano buone".

GardenLiving ora spera di capitalizzare su una domanda fiorente, dice Eva: "Nonostante i problemi iniziali, l'anno scorso siamo comunque cresciuti del 12 per cento. La gente rimasta a casa aveva voglia di abbellire giardini e case. E fortunatamente quest'anno abbiamo notato che anche le aziende hanno ricominciato a investire nelle piante, e puntiamo a crescere del venti per cento".

Il prestito di Eva è stato possibile dopo che il Fondo europeo per gli investimenti ha sbloccato 8 miliardi di euro per incoraggiare le banche a concedere crediti.

Più di recente, il fondo europeo da 750 miliardi di euro NextGenerationEU punta ad aiutare l'economia europea colpita dalla pandemia a riprendersi.

Per saperne di più, e scoprire che cosa tutto questo significhi per le piemmei, abbiamo consultato Johanna Marin-Hyppönen, senior advisor dell'Enterprise Europe Network.

Gli aiuti Ue disponibili per le pmi

Johanna, abbiamo visto un'azienda in Finlandia che è riuscita a ottenere un prestito garantito dall'Unione europea. Un'azienda che voglia ancora accedere a questo tipo di finanziamento che cosa dovrebbe fare?

"In realtà esistono molti aiuti disponibili per le pmi interessate alle possibilità di finanziamento dell'Unione europea. Per esempio, l'Enterprise Europe Network fornisce alle aziende consulenza sui finanziamenti europei e le aiuta a trovare strumenti di finanziamento adeguati alla loro attività".

Stiamo assistendo alla riapertura delle economie in tutta Europa, quale altra assistenza dell'Unione sarà disponibile per aiutare le aziende a riprendersi?

"Il Fondo per la ripresa dell'Unione europea offrirà possibilità e finanziamenti aggiuntivi alle pmi europee, in particolare per quanto riguarda la doppia transizione, verde e digitale. Parte di questi finanziamenti sono convogliati alle aziende attraverso diversi programmi europei, e questi programmi avranno budget più elevati e punteranno al rinnovamento delle pmi".