Elettori dei Paesi nordici scontenti di verdi e liberali

Il municipio di Stoccolma, Svezia
Il municipio di Stoccolma, Svezia Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Jack Schickler
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il totale di europarlamentari è destinato a scendere da 20 a 13, secondo il primo sondaggio paneuropeo di questo tipo condotto da Ipsos per Euronews

PUBBLICITÀ

I Paesi nordici sono destinati a diventare la roccaforte socialdemocratica dell'Unione europea alle prossime elezioni di giugno, secondo un sondaggio esclusivo condotto da Ipsos per Euronews.

In Danimarca, Svezia e Finlandia i socialdemocratici invieranno la delegazione più numerosa, rendendo la regione una "rarità" in Europa, dove di solito sono i partiti di destra a collocarsi in testa nei sondaggi.

Secondo l'indagine, il crescente sostegno alla destra radicale registrato in tutta Europa non si rifletterà nella delegazione di 51 eurodeputati inviata dai tre Paesi.

Il blocco nordico è destinato a perdere l'unico eurodeputato del gruppo Id, proveniente dal Partito popolare danese, anche se il seggio potrebbe essere occupato dai Democratici danesi, nuovo partito populista che non ha ancora confermato la propria affiliazione.

In programma dal 6 al 9 giugno 2024, le prossime elezioni per la nomina di 720 membri del Parlamento europeo saranno uno dei più grandi esercizi democratici del mondo.

L'indagine senza precedenti di Euronews è stata condotta tra 26.000 persone in Paesi che rappresentano il 96 per cento della popolazione dell'Unione, tra cui mille in ciascuno dei tre Stati nordici.

I risultati mostrano che - mentre queste tre nazioni si piazzano in cima alla classifica delle più felici del mondo, secondo un recente rapporto della Gallup e dell'Università di Oxford - i loro elettori non sono così soddisfatti.

Gli elettori nordici sono destinati a penalizzare i partiti verdi e liberali pro-europei, il cui totale di europarlamentari è destinato a scendere da 20 a 13, secondo il primo sondaggio paneuropeo di questo tipo.

La coalizione liberale Renew perderà un eurodeputato in Svezia, due in Danimarca e uno in Finlandia, mentre la Lega Verde finlandese potrebbe perdere due parlamentari per il prossimo mandato quinquennale e la sua controparte svedese uno.

La situazione rispecchia una tendenza osservata in tutta Europa, dove gli elettori sembrano portati ad abbandonare partiti come Renew Europe di Emmanuel Macron e i Verdi al governo in Germania.

Per quanto riguarda l'Alleanza nazionale danese, un partito di lunga data che attualmente non ha deputati al Parlamento europeo, si prevede che ora possa ottenerne due. Ipsos lo colloca tra i partiti di centro-destra del Ppe, in base alle preferenze del suo candidato principale Henrik Dahl, ma in passato è stato associato a Renew.

La politica di tutti e tre i Paesi è molto frammentata. Secondo il sondaggio, i 15 eurodeputati della Danimarca saranno distribuiti tra ben nove partiti e quelli della Svezia tra otto. In totale, dieci partiti nordici potrebbero finire per inviare delegazioni composte da un solo eurodeputato.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ue, sondaggio Ipsos per Euronews: avanti i partiti di estrema destra e ultraconservatori

Gli eurodeputati chiedono di sequestrare i beni russi congelati

Dopo il Russiagate, gli eurodeputati si affrettano a denunciare l'emergente Chinagate